Banca Nazionale dell'Agricoltura

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Banca Nazionale dell'Agricoltura
Logo
Stato Italia Italia
Tipo Società per azioni
Fondazione 1921 a Milano
Chiusura 2000
Sede principale Roma
Gruppo Banca Antoniana Popolare Veneta
Settore Bancario
Prodotti servizi finanziari

La Banca Nazionale dell'Agricoltura o BNA fu una banca italiana esistita dal 1921 al 2000. In tale data si fuse per incorporazione nella Banca Antoniana Popolare Veneta, poi Banca Antonveneta, a sua volta confluita nel Monte dei Paschi di Siena.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La Banca Nazionale dell'Agricoltura fu costituita nel 1921 a Milano dal conte Giovanni Armenise (cui, alla morte, succedette il nipote Giovanni Auletta Armenise, presidente dell'istituto fino al 1995); nel 1938 la sede fu spostata a Roma e fu autorizzata a operare nel campo del credito agrario sia di esercizio sia di miglioramento[1].

Nel 1977 la BNA era la decima banca italiana per raccolta[2].

Eventi storici[modifica | modifica wikitesto]

Il nome della Banca Nazionale dell'Agricoltura è legato alla strage di piazza Fontana, un attentato terroristico avvenuto in una filiale dell'istituto nel centro di Milano: ivi un ordigno esplose il 12 dicembre 1969 alle 16:37 uccidendo diciassette persone (quattordici immediatamente) e ferendone altre ottantotto.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Banca Nazionale dell'Agricoltura, http://www.sapere.it/.
  2. ^ Un anno che ha pagato bene, in Lotta Comunista, luglio 1978, pp. 4-5.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Aziende Portale Aziende: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di aziende