Baleniera Essex

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Essex
La baleniera Essex in una stampa.
La baleniera Essex in una stampa.
Descrizione generale
US flag 21 stars.svg
Tipo trialberi
Classe baleniera
Varata Nantucket, Stati Uniti
Destino finale Naufragata nell'Oceano Pacifico

[senza fonte]

voci di navi presenti su Wikipedia

La Essex era una baleniera. Nel 1820 fu al centro di una storia che pare abbia ispirato, almeno nella prima parte, Herman Melville per il suo Moby Dick.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver faticosamente doppiato Capo Horn con quella che si considerava allora una pesca quasi insignificante, Pollard, il comandante della baleniera Essex di Nantucket, decise di spingersi al largo dell'Oceano Pacifico verso rotte inesplorate. L'inverno era alle porte e gli 800 barili di grasso di balena nella stiva della baleniera erano considerati troppo pochi.

La vedetta, finalmente, annunciò la vista di alcuni capodogli. Il comandante non aspettava altro: fece calare tre lance che si gettarono subito all'inseguimento del branco di balene entrate, in quel periodo, nella loro stagione degli amori. Un maschio enorme, preso subito di mira dagli uomini della Essex, capovolse una delle lance. Due uomini si salvarono, presi a bordo dalle altre imbarcazioni. In un momento di stasi il capodoglio si scagliò contro la stessa Essex. La nave, duramente colpita, non affondò subito e gli uomini sulle lance e sul ponte ebbero un momento d'indecisione che si rivelò fatale. L'enorme balena riemerse, colpì di nuovo la nave già danneggiata dal precedente impatto: la baleniera iniziò ad affondare, gli uomini rimasti sul ponte armarono le pompe, ma invano.

La Essex non colò a picco e ciò permise agli uomini dell'equipaggio di recuperare le gallette necessarie a 30 giorni di navigazione e alcune tartarughe che erano a bordo. Rimasero così in venti su tre lance baleniere. I naufraghi approdarono su un atollo, l'isola di Henderson, abitato da uccelli marini e con una vena di acqua. Decisero di ripartire, lasciando tre naufraghi sul piccolo atollo in attesa di soccorsi, i quali - i cui nomi erano Thomas Chappel, Seth Weeks e William Wright - vennero soccorsi più di un anno dopo, il 9 aprile 1821.

Nel Pacifico, oceano considerato calmo ma letale, le lance andarono alla deriva e gli uomini cominciarono a morire di sete e fame. Una delle lance con a bordo il secondo e 5 marinai scomparve in una notte di tempesta. Senza viveri, i marinai sulle altre lance si spinsero al cannibalismo dei compagni morti, ma presto anche questa fonte di cibo si esaurì. Della terraferma non vi era nessuna traccia, ed erano passati già 78 giorni dal naufragio.

A questo punto i marinai si persuasero che fosse rimasta loro un'unica risorsa: uccidere un compagno, estratto a sorte, e mangiarne il corpo. Tale pratica venne messa in atto pur con grandi rimorsi da parte di tutti, finché finalmente - a 650 km dalle coste del Cile - una nave salvò due sopravvissuti (il primo ufficiale Owen ed un marinaio) e, dopo una settimana, un'altra nave avvistò la seconda scialuppa con a bordo il capitano Pollard ed un marinaio, i quali erano ridotti allo stremo.

Il rimorso per il cannibalismo e il tragico sorteggio avrebbe segnato il resto della vita degli uomini sopravvissuti. Il capitano, alla ripresa di un comando, affondò nuovamente su un banco di scogli e si ritirò a Nantucket senza più navigare. Il primo ufficiale Owen dopo alcuni anni prese il comando di altre navi e navigò per parecchie campagne di caccia alle balene, ma in vecchiaia fu dichiarato insano di mente. I marinai superstiti non navigarono più.[1]

Nei media[modifica | modifica wikitesto]

Il fatto viene raccontato nel film del 2015 In the Heart of the Sea, diretto da Ron Howard.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Frank Schätzing, Il mondo d'acqua. Alla scoperta della vita attraverso il mare, Nord, 2007
  • Nathaniel Philbrick, Nel cuore dell'oceano - La vera storia della baleniera Essex, Garzanti, 2004
  • Herman Melville, Moby Dick

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Catastrofi Portale Catastrofi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Catastrofi
  1. ^ Nathaniel Philbrick, In the Heart of the Sea: The tragedy of the whaleship Essex.