Baalshamin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Triade palmirena, Baalshamin, padrone del cielo tra il dio Luna Agli-Bol e il dio Sole Malakbêl, I secolo, Museo del Louvre.
Tempio di Baalshamin à Palmira prima della distruzione.

Baalshamin (o Baal Shamen in aramaico) è il dio del cielo fenicio, principale divinità della maggior parte dei popoli semitici che occupano l'est Mediterraneo, e venerato anche in Egitto e nell'antica Roma. Baalshamin è il re degli dei, dopo aver conquistato il regno di un altro dio, Yam, il dio dei mari.

Egli è il principe e padrone della terra, della pioggia e della rugiada, che ha combattuto contro Mot, dio della morte, della sterilità e della siccità. Come risultato di questa lotta, seguì un ciclo di sette anni di fertilità e abbondanza o di siccità e carestia. Nel corso del tempo, Baalshamin (nome originale in pahlavi arsacide) è sempre più visto come la proiezione in terra del dio Mitra[1], molto popolare nelle legioni romane.

Palmira[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Tempio di Baalshamin.

Il tempio di Ba’al-Shamin a Palmira fu eretto nell'anno 17 e venne ampliato e abbellito dall'imperatore romano Adriano[2] nel 130 e ancora ampliato sotto il regno del principe di Palmira, Settimio Odenato. Un porico che conduce alla cella presenta delle notevoli vestigia. Questo tempio, scoperto dall'archeologo francese Robert du Mesnil du Buisson[3], è stato distrutto dalle milizie dello Stato Islamico il 23 agosto 2015[4]. Irina Bokova, direttrice generale dell'UNESCO ha dichiarato dopo la sua distruzione che "malgrado gli ostacoli e il fanatismo, la creatività umana prevarrà, l'edificio e il sito verranno risostruiti appena possibile"[5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Aly Mazahéri, Les Trésors de l'Iran, Genève, éd. Skira, 1977, p. 123
  2. ^ L'État islamique dynamite un temple à Palmyre en Syrie, Le Figaro, 23 août 2015
  3. ^ "Robert du Mesnil du Buisson", in Je m'appelle Byblos, Jean-Pierre Thiollet, H & D, 2005, p. 255. ISBN 2 914 266 04 9
  4. ^ L’Etat islamique a fait exploser un célèbre temple dans la ville antique de Palmyre, Le Monde avec AFP, 23 août 2015.
  5. ^ Palmyre: Daech fait exploser le temple de Baalshamin, su huffingtonpost.fr.
Mitologia Portale Mitologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia