Azapironi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Buspirone, la molecola capostipite degli azapironi ansiolitici, che contiene azaspirodecanedione e pirimidinilpiperazina legata tramite una catena butilica.

Azapironi sono una classe di composti costituiti da azaspirodecanedione e pirimidinilpiperazina legata tramite una catena butilica che presentano attività farmacologica nei confronti del sistema nervoso centrale.

Molti composti appartenenti a questa classe chimica costituiscono perciò dei farmaci studiati ed approvati come come ansiolitici ed antipsicotici.[1][2][3][4] Inoltre sono spesso utilizzati per migliorare gli effetti di altri antidepressivi, come ad esempio gli Inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina.[5][6][7][8][9]

Uno dei più noti rappresentante di questa classe è l’ansiolitico atipico Buspirone.

Elenco di azapironi[modifica | modifica wikitesto]

Gli azapironi includono i seguenti agenti:[10]

Ansiolitici

Antipsicotici

Tandospirone è stato utilizzato per aumentare gli effetti degli antipsicotici in Giappone e migliora i sintomi cognitivi e negativi della schizofrenia.[11] Anche buspirone è stato studiato allo stesso scopo.[12][13]

Chimica[modifica | modifica wikitesto]

Buspirone originariamente fu classificato come azaspirodecanedione, poi abbreviato ad azapirone or azaspirone, per il fatto che la sua struttura molecolare contiene questo gruppo, e altri farmaci con strutture simili furono poi classificati allo stesso modo.
In ogni caso, nonostante tutti siano classificati come azapironi, non tutti contengono la struttura dell'azapirodecanedione, ed in realtà la gran parte non ne contiene una variante. Inoltre molti azapironi sono anche pirimidinilpiperazine, anche se pure questa caratteristica non è propria di tutte le molecole.
I farmaci classificati come azapironi possono essere identificati grazie al suffisso -spirone oppure -pirone.[14]

Farmacologia[modifica | modifica wikitesto]

Farmacodinamica[modifica | modifica wikitesto]

Dal punto di vista farmacologico gli azapironi differiscono fra loro poiché posseggono diversa attività ed affinità nei confronti dei seguenti recettori:[15][16][17][18][19][20][21][22]

  • recettore 5-HT1A (agonismo parziale o totale)
  • recettore 5-HT2A (agonismo inverso)
  • recettoreD2 (antagonismo o agonismo parziale)
  • recettore α1-adrenergico (antagonismo)
  • recettore α2-adrenergico (antagonismo)

Per alcuni azapironi si è dimostrata una qualche attività verso i recettori D4, 5-HT2C, 5-HT7 e sigma.[23][24][25][26]

Mentre alcune di queste proprietà, come ad esempio il blocco dei recettori 5-HT2A e D2 possono essere utili per alcune indicazioni (il trattamento della schizofrenia, in particolare per le molecole perospirone e tiospirone), tutte le altre proprietà, eccetto l'agonismo 5-HT1A, sono generalmente indesiderate in un ansiolitico e contribuiscono agli effetti collaterali. Attualmente si assiste ad un ulteriore sviluppo per riuscire a portare sul mercato agenti ansiolitici sempre più selettivi. Un esempio di questo sviluppo è gepirone, che attualmente è in fase di trial clinico negli Stati Uniti per il trattamento della depressione maggiore ed il disturbo d'ansia generalizzato.
Un ulteriore esempio è tandospirone che è stato autorizzato in Giappone per il trattamento dell'ansia e come principio che migliora l'azione di altri farmaci antidepressivi. Gli agonisti parziali del recettore 5-HT1A si sono dimostrati efficaci contro la depressione in studi sui roditori ed in trial clinici sull'essere umano.[27][28][29][30] Sfortunatamente, in ogni caso, la loro efficacia è limitata e si comportano come antidepressivi di potenza relativamente moderata. Anziché essere utilizzati come farmaci per un trattamento in monoterapia, essi sono comunemente utilizzati per aumentare l'efficacia di altri farmaci antidepressivi di tipo serotoninergico, come gli inibitori selettivi del reuptake della serotonina.[5][6][7][8][9]
È stato suggerito che l'elevata attività intrinseca sul recettore 5-HT1A postsinaptico sia necessaria perché si determino i massimi benefici terapeutici, e come risultato, sono iniziati studi su quegli azapironi che agiscono come agonisti completi del recettore 5-T1A, come ad esempio alnespirone ed eptapirone.[31][32][33][34] Ed effettivamente, in studi preclinici, eptapirone ha mostrato di possedere effetti antidepressivi molto marcati, che sono superiori rispetto a quelli ottenibili con alte dosi di imipramina e paroxetina.[31][32][33][34]

Farmacocinetica[modifica | modifica wikitesto]

Gli azapironi sono scarsamente, ma comunque sensibilmente assorbiti, hanno un rapido inizio d'azione, e si caratterizzano per una breve emivita farmacologica che varia da 1 a 3 ore. Ne consegue che essi debbono essere somministrati almeno 2 o 3 volte al giorno. L'unica eccezione è rappresentata da umespirone, che ha una lunga durata d'azione con una singola dose che perdura per oltre 23 ore.[35] Sfortunatamente umespirone non è in commercio. Attualmente è in fase di sviluppo una formulazione di gepirone a rilascio prolungato che, se approvata, aiuterà a mitigare e forse risolvere questo problema. Gli azapironi sono metabolizzati dal fegato e l'eliminazione avviene per via urinaria o fecale. Un metabolita comune di molti azapironi, incluso buspirone, gepirone, ipsapirone, revospirone e tandospirone è l'1-(2-pirimidinil) piperazine (1-PP).[36][37][38] 1-PP possiede azione di agonismo parziale verso il recettore 5-HT1A ed azione di antagonismo α2-adrenergico. Verosimilmente per questo motivo determina gran parte degli effetti collaterali.[36][37][39]

Effetti collaterali[modifica | modifica wikitesto]

Gli effetti collaterali degli azapironi possono includere vertigini, cefalea, irrequietezza, nausea, e diarrea.[4][40]
Gli azapironi presentano effetti avversi più tollerabili rispetto a molti altri farmaci ansiolitici, come ad esempio le benzodiazepine. Diversamente dalle benzodiazepine, gli azapironi non presentano un significativo rischio d'abuso e non determinano dipendenza, non causano perdita di memoria od apprezzabili alterazioni di tipo cognitivo e neppure sedazione. Inoltre non sembrano determinare apprezzabile tolleranza o dipendenza fisica.
In ogni caso, gli azapironi sono considerati meno validi nel controllo della sintomatologia e richiedono diverse settimane per determinare i loro benefici effetti terapeutici.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Eison AS, Azapirones: history of development, in Journal of Clinical Psychopharmacology, vol. 10, 3 Suppl, giugno 1990, pp. 2S–5S, PMID 1973936.
  2. ^ Cadieux RJ, Azapirones: an alternative to benzodiazepines for anxiety, in American Family Physician, vol. 53, nº 7, maggio 1996, pp. 2349–53, PMID 8638511.
  3. ^ CA. Chessick, MH. Allen; M. Thase; AB. Batista Miralha da Cunha; FF. Kapczinski; MS. de Lima; JJ. dos Santos Souza, Azapirones for generalized anxiety disorder., in Cochrane Database Syst Rev, nº 3, 2006, pp. CD006115, DOI:10.1002/14651858.CD006115, PMID 16856115.
  4. ^ a b JP. Feighner, WF. Boyer, Serotonin-1A anxiolytics: an overview., in Psychopathology, 22 Suppl 1, 1989, pp. 21-6, PMID 2567039.
  5. ^ a b M. Van Ameringen, C. Mancini; C. Wilson, Buspirone augmentation of selective serotonin reuptake inhibitors (SSRIs) in social phobia., in J Affect Disord, vol. 39, nº 2, luglio 1996, pp. 115-21, PMID 8827420.
  6. ^ a b C. Bouwer, DJ. Stein, Buspirone is an effective augmenting agent of serotonin selective re-uptake inhibitors in severe treatment-refractory depression., in S Afr Med J, vol. 87, 4 Suppl, aprile 1997, pp. 534-7, 540, PMID 9180827.
  7. ^ a b EC. Dimitriou, CE. Dimitriou, Buspirone augmentation of antidepressant therapy., in J Clin Psychopharmacol, vol. 18, nº 6, dicembre 1998, pp. 465-9, PMID 9864079.
  8. ^ a b BG. Appelberg, EK. Syvälahti; TE. Koskinen; OP. Mehtonen; TT. Muhonen; HH. Naukkarinen, Patients with severe depression may benefit from buspirone augmentation of selective serotonin reuptake inhibitors: results from a placebo-controlled, randomized, double-blind, placebo wash-in study., in J Clin Psychiatry, vol. 62, nº 6, giugno 2001, pp. 448-52, PMID 11465522.
  9. ^ a b K. Yamada, G. Yagi; S. Kanba, Clinical efficacy of tandospirone augmentation in patients with major depressive disorder: a randomized controlled trial., in Psychiatry Clin Neurosci, vol. 57, nº 2, aprile 2003, pp. 183-7, DOI:10.1046/j.1440-1819.2003.01099.x, PMID 12667165.
  10. ^ The Use of Common Stems in the Selection of International Nonproprietary Names (INN) for Pharmaceutical Substances: Alphabetical list of stems together with corresponding INNs, su apps.who.int. URL consultato il 14 gennaio 2013.
  11. ^ T. Sumiyoshi, M. Matsui; S. Nohara; I. Yamashita; M. Kurachi; C. Sumiyoshi; K. Jayathilake; HY. Meltzer, Enhancement of cognitive performance in schizophrenia by addition of tandospirone to neuroleptic treatment., in Am J Psychiatry, vol. 158, nº 10, ottobre 2001, pp. 1722-5, PMID 11579010.
  12. ^ T. Sumiyoshi, S. Park; K. Jayathilake; A. Roy; A. Ertugrul; HY. Meltzer, Effect of buspirone, a serotonin1A partial agonist, on cognitive function in schizophrenia: a randomized, double-blind, placebo-controlled study., in Schizophr Res, vol. 95, 1-3, settembre 2007, pp. 158-68, DOI:10.1016/j.schres.2007.06.008, PMID 17628435.
  13. ^ D. Piskulić, JS. Olver; P. Maruff; TR. Norman, Treatment of cognitive dysfunction in chronic schizophrenia by augmentation of atypical antipsychotics with buspirone, a partial 5-HT(1A) receptor agonist., in Hum Psychopharmacol, vol. 24, nº 6, agosto 2009, pp. 437-46, DOI:10.1002/hup.1046, PMID 19637398.
  14. ^ The use of stems in the selection of International Nonproprietary Names (INN) for pharmaceutical substances (PDF), su libdoc.who.int, 2004. URL consultato il 14 gennaio 2013.
  15. ^ A. Hamik, D. Oksenberg; C. Fischette; SJ. Peroutka, Analysis of tandospirone (SM-3997) interactions with neurotransmitter receptor binding sites., in Biol Psychiatry, vol. 28, nº 2, Lug 1990, pp. 99-109, PMID 1974152.
  16. ^ NM. Barnes, B. Costall; AM. Domeney; PA. Gerrard; ME. Kelly; H. Krähling; RJ. Naylor; DM. Tomkins; TJ. Williams, The effects of umespirone as a potential anxiolytic and antipsychotic agent., in Pharmacol Biochem Behav, vol. 40, nº 1, settembre 1991, pp. 89-96, PMID 1685786.
  17. ^ S. Ahlenius, A. Wijkström, Mixed agonist-antagonist properties of umespirone at neostriatal dopamine receptors in relation to its behavioral effects in the rat., in Eur J Pharmacol, vol. 222, nº 1, novembre 1992, pp. 69-74, PMID 1361441.
  18. ^ T. Sumiyoshi, K. Suzuki; H. Sakamoto; N. Yamaguchi; H. Mori; K. Shiba; K. Yokogawa, Atypicality of several antipsychotics on the basis of in vivo dopamine-D2 and serotonin-5HT2 receptor occupancy., in Neuropsychopharmacology, vol. 12, nº 1, febbraio 1995, pp. 57-64, DOI:10.1016/0893-133X(94)00064-7, PMID 7766287.
  19. ^ DM. Weiner, ES. Burstein; N. Nash; GE. Croston; EA. Currier; KE. Vanover; SC. Harvey; E. Donohue; HC. Hansen; CM. Andersson; TA. Spalding, 5-hydroxytryptamine2A receptor inverse agonists as antipsychotics., in J Pharmacol Exp Ther, vol. 299, nº 1, ottobre 2001, pp. 268-76, PMID 11561089.
  20. ^ A. Hirose, T. Kato; Y. Ohno; H. Shimizu; H. Tanaka; M. Nakamura; J. Katsube, Pharmacological actions of SM-9018, a new neuroleptic drug with both potent 5-hydroxytryptamine2 and dopamine2 antagonistic actions., in Jpn J Pharmacol, vol. 53, nº 3, luglio 1990, pp. 321-9, PMID 1975278.
  21. ^ T. Kato, A. Hirose; Y. Ohno; H. Shimizu; H. Tanaka; M. Nakamura, Binding profile of SM-9018, a novel antipsychotic candidate., in Jpn J Pharmacol, vol. 54, nº 4, dicembre 1990, pp. 478-81, PMID 1982326.
  22. ^ Y. Odagaki, R. Toyoshima, 5-HT1A receptor agonist properties of antipsychotics determined by [35S]GTPgammaS binding in rat hippocampal membranes., in Clin Exp Pharmacol Physiol, vol. 34, 5-6, pp. 462-6, DOI:10.1111/j.1440-1681.2007.04595.x, PMID 17439416.
  23. ^ BL. Roth, S. Tandra; LH. Burgess; DR. Sibley; HY. Meltzer, D4 dopamine receptor binding affinity does not distinguish between typical and atypical antipsychotic drugs., in Psychopharmacology (Berl), vol. 120, nº 3, agosto 1995, pp. 365-8, PMID 8524985.
  24. ^ K. Herrick-Davis, E. Grinde; M. Teitler, Inverse agonist activity of atypical antipsychotic drugs at human 5-hydroxytryptamine2C receptors., in J Pharmacol Exp Ther, vol. 295, nº 1, ottobre 2000, pp. 226-32, PMID 10991983.
  25. ^ I. Rauly-Lestienne, E. Boutet-Robinet; MC. Ailhaud; A. Newman-Tancredi; D. Cussac, Differential profile of typical, atypical and third generation antipsychotics at human 5-HT7a receptors coupled to adenylyl cyclase: detection of agonist and inverse agonist properties., in Naunyn Schmiedebergs Arch Pharmacol, vol. 376, 1-2, ottobre 2007, pp. 93-105, DOI:10.1007/s00210-007-0182-6, PMID 17786406.
  26. ^ Y. Itzhak, M. Ruhland; H. Krähling, Binding of umespirone to the sigma receptor: evidence for multiple affinity states., in Neuropharmacology, vol. 29, nº 2, febbraio 1990, pp. 181-4, PMID 1970425.
  27. ^ GA. Kennett, CT. Dourish; G. Curzon, Antidepressant-like action of 5-HT1A agonists and conventional antidepressants in an animal model of depression., in Eur J Pharmacol, vol. 134, nº 3, febbraio 1987, pp. 265-74, PMID 2883013.
  28. ^ P. Blier, NM. Ward, Is there a role for 5-HT1A agonists in the treatment of depression?, in Biol Psychiatry, vol. 53, nº 3, febbraio 2003, pp. 193-203, PMID 12559651.
  29. ^ DS. Robinson, K. Rickels; J. Feighner; LF. Fabre; RE. Gammans; RC. Shrotriya; DR. Alms; JJ. Andary; ME. Messina, Clinical effects of the 5-HT1A partial agonists in depression: a composite analysis of buspirone in the treatment of depression., in J Clin Psychopharmacol, vol. 10, 3 Suppl, giugno 1990, pp. 67S-76S, PMID 2198303.
  30. ^ RJ. Bielski, L. Cunningham; JP. Horrigan; PD. Londborg; WT. Smith; K. Weiss, Gepirone extended-release in the treatment of adult outpatients with major depressive disorder: a double-blind, randomized, placebo-controlled, parallel-group study., in J Clin Psychiatry, vol. 69, nº 4, aprile 2008, pp. 571-7, PMID 18373383.
  31. ^ a b W. Koek, JF. Patoiseau; MB. Assié; C. Cosi; MS. Kleven; E. Dupont-Passelaigue; E. Carilla-Durand; C. Palmier; JP. Valentin; G. John; PJ. Pauwels, F 11440, a potent, selective, high efficacy 5-HT1A receptor agonist with marked anxiolytic and antidepressant potential., in J Pharmacol Exp Ther, vol. 287, nº 1, ottobre 1998, pp. 266-83, PMID 9765347.
  32. ^ a b W. Koek, B. Vacher; C. Cosi; MB. Assié; JF. Patoiseau; PJ. Pauwels; FC. Colpaert, 5-HT1A receptor activation and antidepressant-like effects: F 13714 has high efficacy and marked antidepressant potential., in Eur J Pharmacol, vol. 420, 2-3, maggio 2001, pp. 103-12, PMID 11408031.
  33. ^ a b EP. Prinssen, FC. Colpaert; W. Koek, 5-HT1A receptor activation and anti-cataleptic effects: high-efficacy agonists maximally inhibit haloperidol-induced catalepsy., in Eur J Pharmacol, vol. 453, 2-3, ottobre 2002, pp. 217-21, PMID 12398907.
  34. ^ a b JL. Maurel, JM. Autin; P. Funes; A. Newman-Tancredi; F. Colpaert; B. Vacher, High-efficacy 5-HT1A agonists for antidepressant treatment: a renewed opportunity., in J Med Chem, vol. 50, nº 20, ottobre 2007, pp. 5024-33, DOI:10.1021/jm070714l, PMID 17803293.
  35. ^ RL. Holland, K. Wesnes; B. Dietrich, Single dose human pharmacology of umespirone., in Eur J Clin Pharmacol, vol. 46, nº 5, 1994, pp. 461-8, PMID 7957544.
  36. ^ a b D. Manahan-Vaughan, R. Anwyl; MJ. Rowan, The azapirone metabolite 1-(2-pyrimidinyl)piperazine depresses excitatory synaptic transmission in the hippocampus of the alert rat via 5-HT1A receptors., in Eur J Pharmacol, vol. 294, 2-3, dicembre 1995, pp. 617-24, PMID 8750726.
  37. ^ a b P. Blier, O. Curet; Y. Chaput; C. de Montigny, Tandospirone and its metabolite, 1-(2-pyrimidinyl)-piperazine--II. Effects of acute administration of 1-PP and long-term administration of tandospirone on noradrenergic neurotransmission., in Neuropharmacology, vol. 30, nº 7, luglio 1991, pp. 691-701, PMID 1681447.
  38. ^ W. Löscher, U. Witte; G. Fredow; J. Traber; T. Glaser, The behavioural responses to 8-OH-DPAT, ipsapirone and the novel 5-HT1A receptor agonist Bay Vq 7813 in the pig., in Naunyn Schmiedebergs Arch Pharmacol, vol. 342, nº 3, settembre 1990, pp. 271-7, PMID 2149168.
  39. ^ KP. Zuideveld, J. Rusiç-Pavletiç; HJ. Maas; LA. Peletier; PH. Van der Graaf; M. Danhof, Pharmacokinetic-pharmacodynamic modeling of buspirone and its metabolite 1-(2-pyrimidinyl)-piperazine in rats., in J Pharmacol Exp Ther, vol. 303, nº 3, dicembre 2002, pp. 1130-7, DOI:10.1124/jpet.102.036798, PMID 12438536.
  40. ^ RE. Newton, JD. Marunycz; MT. Alderdice; MJ. Napoliello, Review of the side-effect profile of buspirone., in Am J Med, vol. 80, 3B, marzo 1986, pp. 17-21, PMID 2870641.