Avalonnectes arturi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Avalonnectes
Stato di conservazione: Fossile
Holotype of Avalonnectes arturi NHMUK 14550.png
L'olotipo di Avalonnectes arturi
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Classe Reptilia
Superordine Sauropterygia
Ordine Plesiosauria
Famiglia Rhomaleosauridae
Genere Avalonnectes
Specie A. arturi

L'avalonnecte (Avalonnectes arturi) è un rettile marino estinto, appartenente ai plesiosauri. Visse all'inizio del Giurassico inferiore (Hettangiano, circa 199 milioni di anni fa) e i suoi resti fossili sono stati ritrovati in Europa (Inghilterra). È considerato uno dei più antichi plesiosauri noti.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Questo animale era di piccole dimensioni se rapportato ai suoi più stretti parenti vissuti in epoche successive, come Rhomaleosaurus e Macroplata. In totale, Avalonnectes doveva essere lungo circa 2 metri. Il cranio è conosciuto solo parzialmente, ma dovrebbe essere stato tipicamente piatto come quello della maggior parte dei plesiosauri primitivi. Il dorso possedeva solo 18 -19 vertebre, e ciò rappresenta una peculiarità rispetto ad altri animali simili. Come tutti i plesiosauri, anche Avalonnectes doveva possedere un corpo piatto e quattro strutture simili a pagaie adatte al nuoto.

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

Avalonnectes è noto grazie all'olotipo NHMUK 14550, ovvero la parte posteriore di un cranio, uno scheletro quasi completo in connessione anatomica e un altro scheletro parziale privo di cranio. Entrambi i reperti provengono dalla zona di Street, nel Somerset, e sono stati rinvenuti nella formazione Blue Lias, risalente probabilmente ai primissimi tempi del Giurassico inferiore.

Avalonnectes è considerato un rappresentante dei romaleosauridi, un gruppo di plesiosauri primitivi caratterizzati da colli moderatamente allungati e da teste lunghe e piatte. Un'analisi filogenetica del 2012 indica che Avalonnectes potrebbe essere stato più derivato rispetto a Stratesaurus e Macroplata, ma più basale di forme come Eurycleidus, Maresaurus, Meyerasaurus, Rhomaleosaurus e Archaeonectrus.

Significato del nome[modifica | modifica wikitesto]

Il nome generico Avalonnectes deriva da Avalon, un'isola della leggenda di re Artù, spesso identificata con Glastonbury nei pressi di Street (dove sono stati trovati i fossili) e dal greco nektes ("nuotatore"). L'epiteto specifico, arturi, è in onore del paleontologo Arthur Cruickshank (1932 - 2011), che iniziò un processo di revisione dei fossili di plesiosauri del Giurassico inferiore negli anni Novanta. L'epiteto arturi è anche un riferimento al leggendario re Artù del folclore britannico.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • R. B. J. Benson, M. Evans, and P. S. Druckenmiller. 2012. High diversity, low disparity and small body size in plesiosaurs (Reptilia, Sauropterygia) from the Triassic–Jurassic boundary. PLoS ONE 7(3):e31838
  • R. B. J. Benson and P. S. Druckenmiller. 2013. Faunal turnover of marine tetrapods during the Jurassic–Cretaceous transition. Biological Reviews