Austin Miles

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Austin Miles (...) è uno scrittore e presbitero statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Pastore cristiano fondamentalista[1], ha scritto Don't Call Me Brother e Setting the Captives Free per la Prometheus Books di Buffalo.

Le tesi di Miles, fortemente contrarie al cristianesimo organizzato, sono state causa di controversie.[1][2][3]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Banned Books – U.S. « Censorship in America[collegamento interrotto]
  2. ^ Banned Books A - M
  3. ^ Copia archiviata (PDF), su tlch2o.com. URL consultato il 3 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 31 maggio 2014).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]