Arp 273

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Arp 273
Galassie interagenti
UGC 1810 and UGC 1813 in Arp 273 (captured by the Hubble Space Telescope).jpg
Arp 273 (Telescopio spaziale Hubble)
Dati osservativi
(epoca J2000)
CostellazioneAndromeda
Ascensione retta02h 21m 30.6s
Declinazione+39° 21′ 58″
Distanza345000000 a.l.
(105700000 pc)
Redshift~ 0,025
Caratteristiche fisiche
TipoGalassie interagenti
Altre designazioni
APG 273, VV 323, CGPG 0218.4+3909, V Zw 223, KPG 064
Mappa di localizzazione
Arp 273
Andromeda IAU.svg
Categoria di galassie irregolari

Coordinate: Carta celeste 02h 21m 30.6s, +39° 21′ 58″

Arp 273 (APG 273) è una coppia di galassie interagenti situata in direzione della costellazione di Andromeda alla distanza di 345 milioni di anni luce dalla Terra[1].

È catalogata nell'Atlas of Peculiar Galaxies redatto dal Halton Arp nel 1966. La coppia è formata dal'interazione della galassia spirale UGC 1810 che appare vista di faccia (face-on) e dalla cinque volte più piccola galassia spirale UGC 1813 che appare invece quasi di profilo (edge-on). Quest'ultima mostra i segni distintivi di attiva formazione stellare nel nucleo galattico e si ipotizza che abbia già attraversato in passato la galassia più grande. Nell'estremità di uno dei bracci di spirale di UGC 1810 si intravede una terza piccola galassia[2][3].

Il 28 gennaio 1962 nella galassia UGC 1810 è stata individuata una supernova di tipo II catalogata come SN 1962R[4].

Arp 273 fa parte dell'ammasso di galassie Abell 347, a sua volta componente del Superammasso di Perseo-Pesci (SCl 40).

Arp 273 (video NASA)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ National Optical Astronomy Observatory: Arp 273, su www.noao.edu. URL consultato il 26 aprile 2016.
  2. ^ (EN) information@eso.org, A galactic rose highlights Hubble's 21st anniversary, su www.spacetelescope.org. URL consultato il 26 aprile 2016.
  3. ^ HubbleSite - NewsCenter - NASA's Hubble Celebrates 21st Anniversary with "Rose" of Galaxies (04/20/2011) - Release Images, su hubblesite.org. URL consultato il 26 aprile 2016.
  4. ^ IAUC 5926: 1962R; 1993v, su www.cbat.eps.harvard.edu. URL consultato il 26 aprile 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Oggetti del profondo cielo Portale Oggetti del profondo cielo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di oggetti non stellari