Arnaldo Morano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Arnaldo Morano

Arnaldo Morano (Torino, 8 gennaio 1911Rosignano Monferrato, luglio 2007) è stato un liutaio italiano.

Comincia a lavorare all’età di 13 anni nel negozio del padre come falegname, si appassiona alla musica in giovane età e da autodidatta costruisce il suo primo violino, le sue capacita sono ottime, sicuramente l’aiuta la conoscenza e la pratica che ha potuto fare con legname colle e vernici nella bottega del padre. Inizia a lavorare pienamente come liutaio nel 1930 a Rosignano Monferrato, Comincia a costruire e restaurare strumenti dei più grandi liutai classici come Antonio Stradivari, Guarneri del gesù, Giovanni Battista Guadagnini. Il suo primo quartetto d’archi gli fu commissionato dal conservatorio Giuseppe Verdi di Torino nel 1931, sfortunatamente un violino di questo quartetto è scomparso [1] dorante la seconda guerra mondiale. Nel 1937 venne premiato fuori concorso a Cremona per due violini presentati fuori concorso. Un altro quartetto del 1970 ancora integro è di proprietà della Scuola musicale di Fiesole e se ne può apprezzare il suono in quanto viene affidato a giovani e promettenti musicisti per concerti e concorsi internazionali[2]. Negli anni dalla sua bottega di via Madonna delle grazie sono usciti strumenti di grande pregio e sonorità, Morano è oggi ritenuto un liutaio di fama mondiale, da lui si sono formati e specializzati molti liutai, tra tanti Sergio Luigi Bonino che da lui approfondisce la tecnica della verniciatura e del restauro, Roberto Collini, Gabriele Negri, allievo e collaboratore dal 1976 al 1982.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ teatroregio.torino.it, https://web.archive.org/web/20130408052315/http://www.teatroregio.torino.it/sites/default/files/uploads/scuola/200910/pdf/Strumenti_in_galleria.pdf. URL consultato il 19 dicembre 2017 (archiviato dall'url originale l'8 aprile 2013).
  2. ^ sestorocchi.it, http://www.sestorocchi.it/wp-uploads/2016/07/Quartetto-Taag.pdf.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]