Aršin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Aršin (in russo: аршин?) è in nome di un'antica unità di misura di lunghezza usata nell'Impero russo, nei Balcani e nell'impero ottomano prima dell'introduzione del sistema metrico decimale.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il termine, di origine persiana, aveva il significato di «cubito»; entrò nella lingua russa attraverso il tataro e fu adoperata nell'impero russo per indicare l'unità di misura di lunghezza nel XVI secolo. Nel XVIII secolo Pietro il grande ne fissò il valore a 28 pollici anglosassoni, corrispondenti quindi a 71,12 cm del sistema metrico decimale. Col il "Regolamento sui pesi e misure" del 4 giugno 1899, l'aršin fu definita ufficialmente la misura di lunghezza basale dell'impero russo. Fu abrogata ufficialmente dallo stato sovietico nel 1928.

In Bulgaria corrispondeva a 75,8 cm; in Turchia a 68,58 cm.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Enciclopedia Treccani on-line, Aršin, su treccani.it.
  • François Cardarelli, Encyclopaedia of Scientific Units, Weights and Measures: Their SI Equivalences and Origins; traduzione in lingua inglese di M. J. Shields, II ed., London etc.: Springer, 2004, pp. 121–124, ISBN 1-85233-682-X

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]