Appenninica (pecora)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Appenninica
Specie Ombremouton.png Pecora
Altri nomi pecora di Barisciano, Casentinese, delle Crete, Pagliaro, Pomarancina, Perugina del Piano, Senese, Toscana, Vissana, ecc.
Localizzazione
Diffusione province di Arezzo, Firenze, Forlì, Grosseto, L'Aquila, Pisa, Perugia, Pesaro, Pescara, Rieti, Siena, Teramo, Terni e Viterbo.
Aspetto
Altezza maschi 77 cm;
femmine 69[1] cm
Peso maschi 70-95 kg
femmine 50-60 kg
Vello bianco, chiuso negli arieti e semichiuso nelle femmine
Allevamento
Utilizzo da carne
Prole media Fertilità al 90%
Prolificità al 130%[2]

L'Appenninica è una razza di pecore italiana. Razza rustica allevata un tempo per la produzione di latte, carne e lana[1], è oggi allevata per la sua carne. Si adatta a diversi ambienti e a clima e terreni sfavorevoli.[3]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Si è sviluppata lungo la dorsale appenninica a partire da popolazioni autoctone ma eteromorfe. La razza che oggi viene definita appenninica è diversa da quella originariamente selezionata: infatti, la razza ha continuato ad essere sviluppata per migliorare la quantità e la qualità della carne, incrociando l'appenninica con arieti di altre razze italiane, come la Bergamasca, o straniere, come l'Ile de France, la Berichonne du Cher e altre.[3]

Nomi locali[modifica | modifica wikitesto]

Localmente la razza è stata declinata secondo altri nomi: abbiamo quindi la pecora di Barisciano, la Casentinese, la pecora delle Crete, la Pagliarola, la Pomarancina, la Perugina del Piano, la Senese, la Toscana, la pecora Vissana, e altre.[3]

Diffusione[modifica | modifica wikitesto]

Si contano circa 250.000 capi in Italia (dati 2002), allevati nelle province di Arezzo, Firenze, Forlì, Grosseto, L'Aquila, Pisa, Perugia, Pesaro, Pescara, Rieti, Siena, Teramo, Terni e Viterbo.[2]

Aspetto[modifica | modifica wikitesto]

La testa, dal profilo rettilineo o appena arcuato, è proporzionata e priva di corna. La taglia è medio-grande.


Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Gli agnelli alla nascita pesano circa 4-5 kg, dopo un mese e mezzo arrivano a 16-18 kg, dopo 100 giorni sono sui 26-30 kg.[2] I maschi arrivano circa a 52 kg, le femmine sui 40 kg.[1]

Secondariamente, viene usata anche la lana, grossolana ma di discrete quantità: i maschi producono 2,5 kg di lana mentre le femmine 1,5 kg.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Razza Appenninica, www.agraria.org. URL consultato il 12 maggio 2012.
  2. ^ a b c Centro Divulgazione Agricola, 7
  3. ^ a b c Centro Divulgazione Agricola, 6

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Centro Divulgazione Agricola, L'allevamento degli ovini. Moderne tecniche per produzioni di qualità, Bologna, Edagricole, 2002, ISBN 88-506-4873-1. (fonte)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]