Antonio Nariño

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Antonio de la Santísima Concepción Nariño y Álvarez

Antonio de la Santísima Concepción Nariño y Álvarez (Bogotà, 9 aprile 1765Villa de Leyva, 13 dicembre 1823) è stato un politico colombiano.

Nel 1794 tradusse la Dichiarazione dei diritti dell'uomo e del cittadino e fu per questo imprigionato. Presidente della neonata rivoluzionaria repubblica di Cundinamarca dal 1811, presto si inimicò sia l'esercito spagnolo sia la Nueva Granada, catturato a Pasto, fu spedito in Spagna.

Rimpatriato, nel 1821 diresse il congresso di Cúcuta e stilò la costituzione colombiana.

I suoi resti giacciono nella cappella di Santa Elisabetta d'Ungheria, dov'è esposto anche un suo busto, nella Cattedrale dell'Immacolata Concezione a Bogotà.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN9890319 · ISNI (EN0000 0000 8767 3400 · LCCN (ENn82221506 · GND (DE119444194 · BNF (FRcb11974879r (data) · BAV ADV11583121 · CERL cnp00555908 · WorldCat Identities (ENn82-221506
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie