Antonio Fusco (scrittore)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Antonio Fusco
NascitaNapoli, 20 luglio 1964
Dati militari
Paese servitoItalia Italia
Forza armataStemma della Polizia di Stato 2007.svg Polizia di Stato
SpecialitàPubblica Sicurezza
GradoVice Questore
Comandante diSquadra mobile di Pistoia
fonti nel corpo del testo
voci di militari presenti su Wikipedia

Antonio Fusco (Napoli, 20 luglio 1964) è uno scrittore e poliziotto italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Napoli nel 1964[1], vive a Pistoia dove è a capo della Squadra Mobile della questura[2].

Laureato in Giurisprudenza e Scienze delle pubbliche amministrazioni[3], si occupa dal 2000 di casi di polizia giudiziaria in Toscana ed è criminologo forense[4].

Ha esordito nella narrativa nel 2014 con il romanzo noir Ogni giorno ha il suo male introducendo il personaggio del commissario Tommaso Casabona protagonista al 2019 di cinque indagini[5].

Con La pietà dell'acqua ha vinto nel 2016 la quinta edizione del Premio Mariano Romiti[6].

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

Serie commissario Casabona[modifica | modifica wikitesto]

Raccolte[modifica | modifica wikitesto]

  • Le indagini del commissario Casabona, Milano, Giunti, 2017 ISBN 978-88-09-85668-4. (Comprende i primi tre romanzi dell'autore)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Donatella Trotta, I misteri di Valdenza nell'esordio noir di Antonio Fusco, su ilmattino.it. URL consultato il 12 aprile 2018.
  2. ^ Lucia Agati, «La mia Valdenza, sempre più Pistoia»: i misteri della città nei noir di Fusco, su lanazione.it. URL consultato il 12 aprile 2018.
  3. ^ Le vite parallele – Antonio Fusco, su milanonera.com. URL consultato il 12 aprile 2018.
  4. ^ Intervista a Antonio Fusco, su contornidinoir.it. URL consultato il 12 aprile 2018.
  5. ^ Il commissario-scrittore, su rainews.it. URL consultato il 12 aprile 2018.
  6. ^ Premio Romiti: vincitore Antonio Fusco, il Romiti Junior ad Alice Fiorentini, su tusciaup.com. URL consultato il 12 aprile 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN1732154137633115370006 · LCCN (ENno2018147060 · WorldCat Identities (ENlccn-no2018147060