Antonio Bellotti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Antonio Bellotti
Antonio Bellotti portrait.jpg
NascitaLettere, 1952
MorteMessina, 16 gennaio 1971
Cause della morteColpito alla testa da sassi
Luogo di sepolturaLettere
Dati militari
Paese servitoItalia Italia
Forza armataStemma della Polizia di Stato - pre 2007.svg Corpo delle guardie di pubblica sicurezza
UnitàReparto celere di Padova
RepartoReparto celere
GradoAgente
GuerreMoti di Reggio
DecorazioniValor civile gold medal BAR.svgMedaglia d'oro al valor civile
voci di militari presenti su Wikipedia

Antonio Bellotti (Lettere, 1952Messina, 16 gennaio 1971) è stato un poliziotto italiano, agente della Polizia di Stato, morto nell'espletamento delle sue funzioni[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Faceva parte del reparto celere di Padova. Insieme al suo convoglio era stato mandato a Reggio Calabria, in rinforzo delle forze, in occasione dei moti di Reggio. Mentre il suo convoglio ferroviario si apprestava a lasciare la città, lo stesso veniva fatto oggetto di lancio di sassi contro i suoi occupanti. Uno di questi colpì il Bellotti alla testa e, in conseguenza delle ferite riportate, lo condusse a morte dopo quattro giorni[2] presso l'ospedale di Messina.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1977 gli venne conferita la medaglia d'oro al valor civile alla memoria.[3]

Medaglia d'oro al valor civile - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro al valor civile
«Il 12 gennaio 1971, a Reggio Calabria, nella fase terminale della rivolta per il capoluogo, un convoglio ferroviario che riportava gli uomini del reparto celere di Padova nella sede di provenienza, fu oggetto di una sassaiola. Il fatto avvenne in serata, sulla tratta urbana tra la stazione centrale e quella del lido. I sassi, provenienti dal lungomare, colpirono alla testa Antonio Bellotti, napoletano di 19 anni, guardia di Ps in servizio a Reggio da diversi mesi. Egli fu ricoverato per qualche giorno e operato nell'ospedale di Messina, prima di morire il 16 gennaio 1971. Per la morte della seconda vittima della rivolta tra le forze dell'ordine furono rinviati a giudizio per omicidio preterintenzionale, ma non condannati, tre giovani reggini.»
— Reggio Calabria,12 16 gennaio 1971[4].

Monumenti dedicati ad Antonio Bellotti[modifica | modifica wikitesto]

Nella frazione Piazza Roma a Lettere è stato fatto erigere un monumento in suo onore[5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Lettere - “Vittima del dovere”: ricordo dell'agente Belotti su STABIA NEWS
  2. ^ Copia archiviata, su stabiachannel.it. URL consultato il 17 aprile 2014 (archiviato dall'url originale il 19 aprile 2014).
  3. ^ Stabiachannel.it. URL consultato il 17 aprile 2014 (archiviato dall'url originale il 19 aprile 2014).
  4. ^ Sito MInistero
  5. ^ Polizia di Stato - Questure sul web - Napoli Archiviato il 19 aprile 2014 in Internet Archive.
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie