Antoine Giacomoni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Antoine Giacomoni (Borgo, 16 aprile 1955) è un fotografo francese, nativo della Corsica.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

É noto per la sua minimalistica tecnica fotografica e ritrattistica - detta "Mirror concept" - da lui praticata attraverso immagini riflesse da uno specchio da camerino teatrale, incorniciato da lampadine opaline ispirato al minimalismo e all'età d'oro di Hollywood degli anni '30-'40.

A vent'anni si trasferisce a Parigi per studiare arti plastiche alla Sorbona, nel 1977 si trasferisce a Londra all'inizio dell'ondata punk 77, da lì la musica diventerà il soggetto ppiù importante della sua fotografia e avrà come soggetto soprattutto musicisti.

Celebre è la serie dei ritratti fotografici di star della musica rock, come Nico dei Velvet Underground, Lou Reed, i Bauhaus, gli Associates, i Sex Pistols, Daniel Darc, Serge Gainsbourg, Étienne Daho ma anche per Amanda Lear[1]e Sophie Marceau[2].

Nel 1983 torna a Parigi A metà anni '80 fa un viaggio in Giamaica e comincia a fare reportage fotografici

A fin anni '80 tenta senza successo di incominciare una carriera musicale ma torna subito nel mondo della fotografia. Rimasto cieco negli anni novanta, ha potuto riacquistare la vista grazie a una lunga serie di interventi chirurgici.

Nel 1995 le sue foto su Nico sono state inserite nel documentario di Susanne Ofteringer Nico Icon[3].

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Portrait à travers le miroir, Editions La Siréne
  • La Corsica attraverso lo specchio, La Marge Édition, 2002
  • Nico, o il dramma dell'esilio, Editions Horizon Illimité, 2003
  • Daho secondo Giacomoni, the mirror's session parties, Editions Horizon Illimité, 2004
  • Reggae/Giamaica Editions Horizon Illimité, 2004

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

  • 1987 - À Travers Le Miroir - singolo
  • 1988 - Vieni Vieni - singolo

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN37135948 · ISNI (EN0000 0000 3824 6373 · LCCN (ENn2003011005 · BNF (FRcb14440660r (data) · WorldCat Identities (ENn2003-011005