Anselmo I di Milano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Anselmo I di Milano (... – Milano, 818) è stato un arcivescovo italiano.

Sant'Anselmo
9705 - Milano - S. Ambrogio - Tesoro - Tomba di Bernardo & arc. Anselmo I - Foto Giovanni Dall'Orto 25-Apr-2007.jpg
Basilica di Sant'Ambrogio di Milano - tomba del re Bernardo d'Italia e di Anselmo I, vescovo di Milano. Il presbitero è visibile sul fondo.
 

Vescovo

 
Nascita?, Milano
Morte818, Milano
Venerato daChiesa cattolica
Canonizzazionepre canonizzazione
Attributipastorale, mitria
Patrono diMilano
Anselmo I
arcivescovo della Chiesa cattolica
9705 - Milano - S. Ambrogio - Tesoro - Tomba di Bernardo & arc. Anselmo I - Foto Giovanni Dall'Orto 25-Apr-2007.jpg
ArchbishopPallium PioM.svg
 
Incarichi ricopertiArcivescovo di Milano
 
Nato?, Milano
Deceduto818, Milano
 

Fu arcivescovo di Milano dall'813 all'818.[1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Secondo una tradizione durata almeno fino al XIX secolo, veniva presentato come membro della famiglia aristocratica milanese dei Biglia.

Venne nominato arcivescovo di Milano nel febbraio dell'813 alla morte del proprio predecessore, Odelperto.

Il carolingio Bernardo, nell'autunno dell'817 si schierò contro lo zio Ludovico il Pio, ed a lui si unirono il vescovo di Cremona Walfredo (o Wolodolfo) ed anche l'arcivescovo milanese Anselmo, i quali intendevano contrastare la costante pressione franca sull'amministrazione della curia milanese. Bernardo però ebbe la peggio e, vistosi sconfitto, si consegnò nelle mani dei suoi avversari sperando in un giudizio clemente che però non venne mai.

Bernardo venne condannato a morte nell'818 e un sinodo convocato poco dopo, depose contemporaneamente i vescovi Wolodolfo e Anselmo. Quest'ultimo morirà poco dopo, si dice, di dolore dopo essersi visto sconfitto nel tentativo di difendere i valori della sua Chiesa e per questo verrà santificato.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Le origini della Chiesa di Milano: Anatalo, primo vescovo nel III secolo, Chiesa di Milano. URL consultato il 05.09.2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]