Anodo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Schema di un anodo di zinco in una pila

Un anodo (dal greco ἄνοδος, salita),[1] nei sistemi elettrochimici, è l'elettrodo sul quale avviene una semireazione di ossidazione.[2][3][4]

Nei dispositivi elettronici, l'anodo è il polo positivo.

Tale termine fu coniato nel 1834 dal fisico Michael Faraday.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Vocabolario Treccani
  2. ^ IUPAC Gold Book.
  3. ^ Zoski, p. 7.
  4. ^ Elettrochimica (PDF), su chimica.unipd.it. URL consultato il 18 ottobre 2010 (archiviato dall'url originale il 30 maggio 2009).
  5. ^ a b Copia archiviata (PDF), su uniroma2.it. URL consultato il 19 ottobre 2010 (archiviato dall'url originale il 7 aprile 2017).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàLCCN (ENsh85005376 · GND (DE4142547-9 · BNF (FRcb12501249f (data)