Amalgama dentale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Primo molare otturato con amalgama d'argento

L'amalgama dentale o amalgama d'argento è un materiale composito a matrice metallica[1] usato in odontoiatria conservativa per otturazioni e ricostruzioni dirette. Gli elementi presenti nella sua composizione sono mercurio (45-50% circa del contenuto totale), argento (~22-32%), stagno (~11-14%), rame (~6-9%), zinco (~2%). Nel linguaggio comune le otturazioni ottenute con questo materiale venivano frequentemente chiamate piombature, nonostante la totale assenza di piombo.

Rimasto per molto tempo il materiale più utilizzato in odontoiatria restaurativa, negli ultimi decenni il suo uso è andato gradualmente declinando principalmente per ragioni estetiche, per la disponibilità di materiali alternativi, per l'inquinamento ambientale, e per alcuni timori legati a possibili problemi per la salute del paziente[2].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'utilizzo dell'amalgama d'argento come materiale da otturazione è piuttosto antico, il primo documento che sembra attestarne l'uso è un testo cinese risalente alla dinastia Tang, scritto nel 659 d.c. da Su Kung[3]. In occidente lo si trova citato per la prima volta in un trattato del 1528 di Johannes Stocker (o Strockerus) di Ulm[4], mentre ancora in un testo cinese del 1578 di Li Shihchen vengono indicate le proporzioni dei componenti da utilizzare per la preparazione. Successivamente il suo uso si diffuse in Francia e da qui venne introdotto negli USA, dove nel XIX secolo vide dividersi gli odontoiatri statunitensi. L'associazione principale dell'epoca, l'American Society of Dental Surgeons, decise di proibirne l'uso ai propri membri, e per questo vide progressivamente diminuire i propri iscritti, venendo sostituita dall'American Dental Association, che ne accettava l'utilizzo[5]. A contribuire alla diffusione dell'amalgama furono una serie di studi e miglioramenti nella composizione avviati da J. Foster Flagg e portati avanti da altri, tra cui fondamentali furono quelli di G. V. Black, che misero in luce la sostanziale affidabilità e sicurezza delle otturazioni in questo materiale[3].

Nel 1963 venne introdotta una formulazione ad alto contenuto di rame in grado di limitare la formazione della fase mercurio-stagno γ2[6], imponendosi gradualmente per le doti di maggiore stabilità e resa estetica.

Composizione e tipologie[modifica | modifica wikitesto]

Molari otturati con amalgama dentale

Le prime amalgame dentali erano prodotte artigianalmente, e la composizione poteva variare sensibilmente sia nei materiali che nelle percentuali utilizzate. Attualmente il confezionamento in capsule predosate garantisce la standardizzazione delle percentuali corrette tra i materiali, e le diverse tipologie in commercio vengono distinte in base a tipo e quantità dei metalli che vengono fatti reagire con il mercurio (ternarie, quaternarie), alla forma delle loro particelle (scaglie, sferiche, sferoidali o miste), e alla quantità di rame presente nella lega, utile per limitare la formazione della fase γ2 (Sn7–8Hg) a fine reazione[7].

  • Amalgame classiche o γ2: Ag 66.7-71.5%, Sn 24.3-27.6%, Cu 1.2-5.5%, Zn 0-1.5%, Hg 0-4.7%
  • Amalgame no-γ2 : Ag 69-70%, Sn 17-21%, Cu 9-13%[1]

Reazioni di indurimento[modifica | modifica wikitesto]

Il mercurio e le particelle microscopiche composte dalle leghe metalliche sono separate da un diaframma all'interno di capsule sigillate. Al momento dell'uso, queste vengono inserite in un vibratore specifico che tramite azione meccanica elimina il diaframma tra le due sezioni interne, permettendo l'incorporamento delle polveri metalliche nel mercurio, dando così inizio alla prima fase dei processi reattivi. Argento e stagno presenti alla superficie delle particelle si dissolvono nel mercurio, e raggiunta la sovrasaturazione dell'argento questo si combina in forma di Ag2Hg3 (fase γ1), composto intermetallico che va a costituire la parte prevalente della matrice che ingloba i granuli di lega iniziale non disciolti. Il mercurio ulteriormente disponibile porta quindi alla sovrasaturazione dello stagno con conseguente formazione della fase γ2 (Sn7–8Hg), scarsamente stabile e quindi responsabile di ossidazione e variazioni dimensionali. Nelle tipologie ad alto contenuto di rame (>6%) questi reagisce con lo stagno formando la fase η' (Cu6Sn5), limitando sensibilmente la formazione della fase γ2. Reazioni avvengono anche per diffusione del mercurio nello particelle di lega allo stato solido. Man mano che il mercurio viene impegnato nelle diverse fasi, avviene un aumento di consistenza del materiale, che si completa stabilizzandosi in forma di materiale composito a matrice metallica[8].

Indicazioni e tecnica di utilizzo[modifica | modifica wikitesto]

Il successo dell'amalgama dentale nel campo odontoiatrico è legato ad una serie di caratteristiche favorevoli per l'utilizzo in ambiente intraorale: facilità di impiego, stabilità nel tempo, resistenza all'usura, possibilità di essere posizionato anche in presenza di umidità e fluidi organici, resistenza alla carie secondaria. Per questi motivi è considerato ancora un materiale indicato per casi altrimenti difficili da gestire, come le cavità ampie di II classe[9], le carie radicolari e/o sottogengivali di difficile accesso, nelle situazioni di alto rischio di carie legate ad altre patologie orali o sistemiche, o quando entrino in gioco motivazioni economiche, con scarse necessità estetiche[10][11].

Richiede comunque una tecnica di preparazione del dente che prevede cavità tridimensionalmente ritentive, in quanto non è in grado di aderire chimicamente ai tessuti dentali, e quindi la ritenzione deve essere necessariamente meccanica. Ciò implica spesso il sacrificio di tessuto dentale sano, con un sostanziale indebolimento della struttura residua, creando pericoli di fratture nel caso di ricostruzioni estese[12]. Per ovviare a questi inconvenienti sono state proposte modifiche nella sua tecnica di utilizzo che prevedono l'uso di sistemi di adesione[13][14] o la combinazione con materiali differenti nella cosiddetta tecnica sandwich[15].

L'amalgama ed i rischi per la salute[modifica | modifica wikitesto]

Tossicità cronica da mercurio[modifica | modifica wikitesto]

Il mercurio è un elemento volatile, ed anche dalle fasi stabilizzate che costituiscono le otturazioni in amalgama una piccola quantità tende a liberarsi e ad essere parzialmente assorbita dal corpo umano tramite inalazione, per poi essere eliminato con le urine[16][17]. I vapori sono composti da mercurio allo stato metallico, meno pericoloso della forma organica (principalmente metilmercurio) presente nel pesce ed altri alimenti, che vengono assorbiti ed accumulati con maggiore efficienza dai tessuti (malattia di Minamata)[18][19]. In media una persona che nella propria bocca espone 10 superfici dentali in amalgama va incontro ad un assorbimento giornaliero 50 volte inferiore ai limiti di sicurezza stabiliti dall'OMS[20].

Nel mondo medico e scientifico la controversia sui possibili effetti tossici del mercurio contenuto nell'amalgama è passata attraverso fasi alterne, con la comparsa periodica di studi preoccupanti che sembravano confermare il pericolo legato alla liberazione e all'assorbimento del mercurio[21][22][23], e studi di segno contrario che ne ridimensionavano contenuti e risultati, individuando errori metodologici, sottolineando i ridotti valori rilevati e la mancanza di correlazione con possibili patologie[24][25][26].

Tra il 2007 ed il 2008 vennero pubblicati i dati del più ampio studio sperimentale prodotto sull'argomento, il New England Children's Amalgam Trial, in cui era stato seguito per 5 anni un campione di 537 bambini statunitensi in età scolare a cui erano state eseguite otturazioni in materiali differenti. I risultati non mostrarono correlazioni significative tra presenza di otturazioni in amalgama e alterazioni neurofisiologiche[27] o renali[28], rilevando un leggero aumento nei valori di mercurio eliminato con le urine in rapporto al numero di otturazioni presenti[29]. Numerosi altri studi relativi a ricerche simili comparsi in seguito confermarono sostanzialmente queste osservazioni[30][31][32][33].

Sono stati effettuati anche studi per valutare i possibili effetti dannosi su donne in gravidanza e sui nascituri. Anche in questo caso non furono trovati collegamenti tra la presenza dell'amalgama ed alterazioni[34], con l'eccezione di uno studio retrospettivo che sembrava mostrare un pericolo legato allo sviluppo dell'autismo[35], su cui però erano stati sollevati alcuni dubbi metodologici[36]. Nel 2011 apparvero i risultati del Seychelles Child Development Study, uno studio prospettico in doppio cieco che aveva seguito 779 madri e loro figli per 19 anni, e anche in questo caso non furono trovate correlazioni significative tra presenza di amalgama dentale e problemi neurofisiologici per il feto[37][38][39].

Se da una parte la quantità di studi sempre più ampi effettuati sulla popolazione sembra confermare l'assenza di pericoli significativi legati alla presenza di otturazioni in amalgama[40][41], evidenza ribadita da tutte le maggiori istituzioni mediche[42][43][44], permangono comunque pareri di ricercatori che invitano a mantenere un atteggiamento precauzionalmente critico verso questo materiale[45], facendo riferimento agli studi che individuano un collegamento tra la concentrazione di mercurio eliminato nelle urine e la sua presenza nel cavo orale[46][47], puntando l'attenzione sulla possibilità che soggetti predisposti fisiologicamente, per abitudini viziate o alimentari possano essere più a rischio[48][49][50]. Questo atteggiamento di precauzione è stato sostanzialmente recepito dagli organismi internazionali che si occupano di salute pubblica come l'OMS e l'Unione europea, che nel quadro di una progressiva limitazione all'uso del mercurio per rischi ambientali consigliano un suo utilizzo limitato, privilegiando materiali alternativi quando possibile, in particolare su soggetti potenzialmente vulnerabili come bambini e donne in gravidanza[51][52].

Critiche all'uso delle otturazioni in amalgama tendono comunque a ricomparire periodicamente sui mass media rinnovando il dibattito sull'argomento[53][54][55], associandosi non di rado con tesi cospirazioniste e trovando spesso il supporto di personaggi legati al mondo delle terapie alternative e delle pseudoscienze[56][57]. La tendenza all'autodiagnosi di disturbi causati dalla presenza del mercurio da parte di soggetti vulnerabili si è dimostrata prevalentemente riconducibile alle caratteristiche del disturbo somatoforme[58].

Esposizione professionale[modifica | modifica wikitesto]

La liberazione di vapori di mercurio tende ad essere maggiore durante le fasi che vanno dal mescolamento all'indurimento del materiale[59], e nelle procedure che ne comportano la limatura, per la rimozione di una otturazione o la sua rifinitura, procedimenti che richiedono obbligatoriamente l'uso di raffreddamento ad acqua ed aspirazione ad alta velocità[60]. Questo comporta un pericolo potenziale per medici e personale degli studi dentistici, motivo per cui esiste in Italia una normativa di legge specifica che impone una serie di precauzioni e limitazioni all'uso di questo materiale[61]. Gli studi eseguiti per indagare i possibili effetti sugli operatori hanno comunque dimostrato una limitata rilevanza dell'esposizione professionale sugli indicatori di rischio specifico[62][63].

Ipersensibilità[modifica | modifica wikitesto]

La composizione dell'amalgama implica inevitabilmente la possibilità di reazioni allergiche ai metalli che la compongono, che si manifesta nella forma di reazione cellulo-mediata (Tipo IV), chiamata anche lichenoide per la similitudine con la manifestazione orale del lichen planus[64]. Usualmente le lesioni, con aspetto di striature e macchie biancastre e/o macchie eritematose, non sono legate a sintomatologie particolari, e possono essere diagnosticate attraverso le prove allergiche specifiche. La sostituzione dell'otturazione o il suo rivestimento con altri materiali è di regola un trattamento sufficiente per la risoluzione[65].

Tatuaggio[modifica | modifica wikitesto]

Un effetto collaterale piuttosto comune legato alla presenza dell'amalgama d'argento è la pigmentazione scura dei tessuti molli contigui all'otturazione, con aspetto di macchia blu, nera o brunastra, definita comunemente tatuaggio[66]. Si sviluppa più frequente sulla gengiva, in particolare in seguito a procedure traumatiche associate al posizionamento del materiale o in relazione alla sua rifinitura[67], ed è causato dall'incorporazione di particelle metalliche d'argento nella membrana basale epiteliale e nella submucosa[68]. Il fenomeno non è associato ad alcuna sintomatologia e non richiede trattamento, se non per motivi estetici, e va distinto dalle lesioni melanotiche, di altra origine e significato[69].

Problemi ambientali e regolamentazione[modifica | modifica wikitesto]

Il grave problema della tossicità ambientale del mercurio ha portato negli ultimi anni ad una serie di iniziative da parte di organismi nazionali ed internazionali che si occupano di tutela dell'ambiente e salute pubblica, impegnati per una sua progressiva eliminazione dai cicli produttivi in ogni sua forma[51]. Anche l'amalgama dentale è stata compresa in questo sforzo, in quanto fonte significativa di inquinamento ambientale, come riconosciuto dalla Convenzione di Minamata che nel 2013 ha invitato ad una riduzione graduale al suo utilizzo, senza però fissare scadenze[70].

L'Unione Europea è a sua volta impegnata sullo stesso obiettivo, avendo nel 2005 fissato un programma in più punti (EU mercury strategy) in cui si indicavano una serie di misure, alcune delle quali mirate ad un maggior rigore sulle normative riguardo al recupero del mercurio proveniente dalle amalgame dentarie, suggerendo l'avvio di una politica di sostituzione con materiali alternativi[71]. Un rapporto commissionato nel 2012 individuava l'amalgama dentaria come la seconda fonte di inquinamento da mercurio nei paesi UE, suggerendo una strategia comprendente un divieto totale all'uso odontoiatrico[72], come già messo sostanzialmente in atto da alcuni paesi scandinavi[73].

In Italia la gestione dell'amalgama dentale come rifiuto è normata dal D. Lgs. 5 febbraio 1997, n.22, dalla direttiva 9 aprile 2009 del Ministero dell'ambiente e dal Decreto Presidenziale 15 luglio 2003, N. 254, che ne specificano la corretta codifica CER (180110). Viene classificata come rifiuto sanitario pericoloso non a rischio infettivo, in quanto tale deve essere conservata in appositi contenitori per essere inviata tramite un trasportatore autorizzato verso speciali unità di smaltimento di rifiuti pericolosi[74][75][76].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Mitchell RJ, Okabe T, Setting reactions in dental amalgam. Part 1. Phases and microstructures between one hour and one week, in Crit Rev Oral Biol Med, vol. 7, nº 1, SAGE, 1996, pp. 12-22, DOI:10.1177/10454411960070010101, PMID 8727104.
  2. ^ (EN) Shenoy A, Is it the end of the road for dental amalgam? A critical review, in J Conserv Dent, vol. 11, nº 3, Wolters Kluwer, luglio 2008, pp. 99-107, DOI:10.4103/0972-0707.45247, PMID 20142895, PMC 2813106.
  3. ^ a b (EN) Bharti L, et al, Dental amalgam: An update, in J Conserv Dent, vol. 13, nº 4, Wolters Kluwer, ottobre 2010, pp. 204-208, DOI:10.4103/0972-0707.73380, PMID 21217947, PMC 3010024.
  4. ^ (NO) Bjørklund G, The history of dental amalgam, in Tidsskr Nor Laegeforen, vol. 109, 34-36, 10 dicembre 1989, pp. 3582-5, PMID 2694433.
  5. ^ (EN) Hyson JM Jr, Amalgam: Its history and perils, in J Calif Dent Assoc, vol. 34, nº 3, Wolters Kluwer, marzo 2006, pp. 215-229, PMID 16895078.
  6. ^ (EN) Darvell B, Innovation in restorative dental materials: another new age or the end of the line?, in Future Med Chem, vol. 5, nº 14, Future Science Ltd, settembre 2013, pp. 1595-7, DOI:10.4155/fmc.13.131, PMID 24047264.
  7. ^ (EN) Nakai H, et al, Characterization of low and high copper amalgam alloys and the effect of mixing time on their physical properties, in Dent Mater J, vol. 3, nº 2, dicembre 1984, pp. 170-192, DOI:10.4012/dmj.3.170, PMID 6597740.
  8. ^ (EN) Okabe T, Mitchell RJ, Setting reactions in dental amalgam. Part 2. The kinetics of amalgamation, in Crit Rev Oral Biol Med, vol. 7, nº 1, SAGE, 1996, pp. 23-35, DOI:10.1177/10454411960070010201, PMID 8727105.
  9. ^ (EN) Makhija SK, et al, Practitioner, patient and carious lesion characteristics associated with type of restorative material: findings from The Dental Practice-Based Research Network, in J Am Dent Assoc, vol. 142, nº 6, American Dental Association, giugno 2011, pp. 622-632, PMID 21628683, PMC 3107519.
  10. ^ (EN) Chalmers JM, Minimal intervention dentistry: part 2. Strategies for addressing restorative challenges in older patients (PDF), in J Can Dent Assoc, vol. 72, nº 5, Canadian Dental Association, giugno 2006, pp. 435-440. URL consultato il 6 dicembre 2013.
  11. ^ (EN) Lubisich EB, et al, Association between caries location and restorative material treatment provided, in J Dent, vol. 39, nº 4, Elsevier, aprile 2011, pp. 302-308, DOI:10.1016/j.jdent.2011.01.007, PMID 21256915, PMC 3606693.
  12. ^ (EN) Monga P, Sharma V, Kumar S, Comparison of fracture resistance of endodontically treated teeth using different coronal restorative materials: An in vitro study, in J Conserv Dent, vol. 12, nº 4, Wolters Kluwer, ottobre 2009, pp. 154-159, DOI:10.4103/0972-0707.58338, PMID 20543925, PMC 2879728.
  13. ^ (EN) Parolia A, et al, Microleakage of bonded amalgam restorations using different adhesive agents with dye under vacuum: an in vitro study, in Indian J Dent Res, vol. 22, nº 2, Wolters Kluwer, marzo-aprile 2011, pp. 252-255, DOI:10.4103/0970-9290.84298, PMID 21891895.
  14. ^ (EN) Cianconi L, Conte G, Mancini M, Shear bond strength, failure modes, and confocal microscopy of bonded amalgam restorations, in Dent Mater J, vol. 30, nº 2, The Japanese Society for Dental Materials and Devices, 2011, pp. 216-221, DOI:10.4012/dmj.2010-118, PMID 21383518.
  15. ^ (EN) Kaur G, et al, Comparative evaluation of combined amalgam and composite resin restorations in extensively carious vital posterior teeth: An in vivo study, in J Conserv Dent, vol. 14, nº 1, Wolters Kluwer, gennaio 2011, pp. 46-51, DOI:10.4103/0972-0707.80742, PMID 21691506, PMC 3099114.
  16. ^ (EN) Park JD, Zheng W, Human exposure and health effects of inorganic and elemental mercury, in J Prev Med Public Health, vol. 45, nº 6, novembre 2012, pp. 344-352, DOI:10.3961/jpmph.2012.45.6.344, PMID 23230464, PMC 3514464.
  17. ^ (EN) Nicolae A, Ames H, Quiñonez C, Dental amalgam and urinary mercury concentrations: a descriptive study, in BMC Oral Health, vol. 13, 9 settembre 2013, p. 44, DOI:10.1186/1472-6831-13-44, PMID 24015978, PMC 3847647.
  18. ^ (EN) Mercury Compounds, United States Environmental Protection Agency, 10 settembre 2015. URL consultato il 9 gennaio 2015.
  19. ^ (EN) Oken E, Bellinger DC, Fish consumption, methylmercury and child neurodevelopment, in Curr Opin Pediatr, vol. 20, nº 2, aprile 2008, pp. 178-183, DOI:10.1097/MOP.0b013e3282f5614c, PMID 18332715, PMC 2581505.
  20. ^ (EN) Jones DW, A Scandinavian tragedy, in Br Dent J, vol. 204, nº 5, Nature Publishing Group, 8 marzo 2008, pp. 233-234, DOI:10.1038/bdj.2008.151, PMID 18327185.
  21. ^ (EN) Lorscheider FL, Vimy MJ, Evaluation of the safety issue of mercury release from dental fillings, in FASEB J, vol. 7, nº 15, dicembre 1993, pp. 1432-1433, PMID 8262327. URL consultato il 2 gennaio 2016.
  22. ^ (EN) Dye BA, et al, Urinary mercury concentrations associated with dental restorations in adult women aged 16-49 years: United States, 1999-2000, in Occup Environ Med, vol. 62, nº 6, giugno 2005, pp. 368-375, PMID 15901883, PMC 1741027.
  23. ^ (EN) Woods JS, et al, The contribution of dental amalgam to urinary mercury excretion in children, in Environ Health Perspect, vol. 115, nº 10, ottobre 2007, pp. 1527-1531, PMID 17938746, PMC 2022658.
  24. ^ (EN) Mackert JR Jr, Berglund A, Mercury exposure from dental amalgam fillings: absorbed dose and the potential for adverse health effects, in Crit Rev Oral Biol Med, vol. 8, nº 4, National Institute of Environmental Health Science, 1997, p. 410-436, DOI:10.1177/10454411970080040401, PMID 9391753.
  25. ^ (EN) Jones DW, Exposure or absorption and the crucial question of limits for mercury, in J Can Dent Assoc, vol. 65, nº 1, gennaio 1999, pp. 42-46, PMID 9973766. URL consultato il 2 gennaio 2016.
  26. ^ (EN) Iavicoli I, Carelli G, Contribution of dental amalgam to urinary mercury excretion in children, in Environ Health Perspect, vol. 116, nº 3, marzo 2008, pp. A107-108, DOI:10.1289/ehp.11013, PMID 18335073, PMC 2265052.
  27. ^ (EN) Bellinger DC, et al, Contribution of dental amalgam to urinary mercury excretion in children, in Environ Health Perspect, vol. 115, nº 3, marzo 2007, pp. 440-446, DOI:10.1289/ehp.9497, PMID 17431496, PMC 1849920.
  28. ^ (EN) Barregard L, Trachtenberg F, McKinlay S, Renal effects of dental amalgam in children: the New England children's amalgam trial, in Environ Health Perspect, vol. 116, nº 3, marzo 2008, pp. 394-399, DOI:10.1289/ehp.10504, PMID 18335109, PMC 2265055.
  29. ^ (EN) Maserejian NN, et al, Dental amalgam exposure and urinary mercury levels in children: the New England Children's Amalgam Trial, in Environ Health Perspect, vol. 116, nº 2, febbraio 2008, pp. 256-262, DOI:10.1289/ehp.10440, PMID 18288327, PMC 2235235.
  30. ^ (EN) Woods JS, et al, Biomarkers of kidney integrity in children and adolescents with dental amalgam mercury exposure: findings from the Casa Pia children's amalgam trial, in Environ Res, vol. 108, nº 3, Elsevier, novembre 2008, pp. 393-399, DOI:10.1016/j.envres.2008.07.003, PMID 18721920, PMC 3236600.
  31. ^ (EN) Shenker BJ, et al, Immune function effects of dental amalgam in children: a randomized clinical trial, in J Am Dent Assoc, vol. 139, nº 11, Elsevier, novembre 2008, pp. 1496-1505, DOI:10.1016/j.envres.2008.07.003, PMID 18978388, PMC 2908994.
  32. ^ (EN) Ye X, et al, Nephrotoxicity, neurotoxicity, and mercury exposure among children with and without dental amalgam fillings, in Int J Hyg Environ Health, vol. 212, nº 4, Elsevier, luglio 2009, pp. 378-386, DOI:10.1016/j.ijheh.2008.09.004, PMID 18996050, PMC 3653184.
  33. ^ (EN) Woods JS, Randomized controlled trial demonstrates thMackert JR Jrat exposure to mercury from dental amalgam does not adversely affect neurological development in children, in J Evid Based Dent Pract, vol. 10, nº 1, Elsevier, marzo 2010, pp. 25-29, DOI:10.1016/j.jebdp.2009.11.010, PMID 20230961, PMC 3236600.
  34. ^ (EN) Hujoel PP, et al, Mercury exposure from dental filling placement during pregnancy and low birth weight risk, in Am J Epidemiol, vol. 161, nº 8, Oxford University Press, 15 aprile 2005, pp. 734-740, DOI:10.1093/aje/kwi100, PMID 15800265.
  35. ^ (EN) Geier DA, Kern JK, Geier MR, A prospective study of prenatal mercury exposure from maternal dental amalgams and autism severity, in Acta Neurobiol Exp (Wars), vol. 62, nº 2, 2009, pp. 189-197, PMID 19593333.
  36. ^ (EN) Schultz ST, Does thimerosal or other mercury exposure increase the risk for autism? A review of current literature, in Acta Neurobiol Exp (Wars), vol. 70, nº 2, 2010, pp. 187-195, PMID 20628442.
  37. ^ (EN) Watson GE, et al, Prenatal exposure to dental amalgam: evidence from the Seychelles Child Development Study main cohort, in J Am Dent Assoc, vol. 142, nº 11, Elsevier, novembre 2011, pp. 1283-1294, DOI:10.1016/j.envres.2008.07.003, PMID 22041415, PMC 3245741.
  38. ^ (EN) Watson GE, et al, Prenatal exposure to dental amalgam in the Seychelles Child Development Nutrition Study: associations with neurodevelopmental outcomes at 9 and 30 months, in Neurotoxicology, vol. 33, nº 6, Elsevier, dicembre 2012, pp. 1511-1517, DOI:10.1016/j.neuro.2012.10.001, PMID 23064204, PMC 3576043.
  39. ^ (EN) Watson GE, et al, Neurodevelopmental outcomes at 5 years in children exposed prenatally to maternal dental amalgam: the Seychelles Child Development Nutrition Study, in Neurotoxicol Teratol, vol. 39, Elsevier, settembre-ottobre 2013, pp. 57-62, DOI:10.1016/j.ntt.2013.07.003, PMID 23856391, PMC 3917122.
  40. ^ (EN) Uçar Y, Brantley WA, Biocompatibility of dental amalgams, in Int J Dent, vol. 2011, Hindawi Publishing Corporation, 2011, p. 981595, DOI:10.1155/2011/981595, PMC 3227436.
  41. ^ (EN) Rathore M, Singh A, Pant VA, The dental amalgam toxicity fear: a myth or actuality, in Toxicol Int, vol. 19, nº 2, Medknow Publications, maggio 2012, pp. 81-88, DOI:10.4103/0971-6580.97191, PMID 22778502 PMC 3388771.
  42. ^ (EN) Final opinion on dental amalgam, European Commission, maggio 2015. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  43. ^ (EN) About Dental Amalgam Fillings, U.S. Department of Health and Human Services, 2 ottobre 2015. URL consultato il 05 gennaio 2015.
  44. ^ (EN) Dental Amalgam: What Others Say, American Dental Association, maggio 2015. URL consultato l'11 gennaio 2015.
  45. ^ (EN) Homme KG, et al, New science challenges old notion that mercury dental amalgam is safe, in Biometals, vol. 27, nº 1, Springer, febbraio 2014, pp. 19-24, DOI:10.1007/s10534-013-9700-9, PMID 24420334, PMC 3905169.
  46. ^ (EN) Pesch A, et al, Mercury concentrations in urine, scalp hair, and saliva in children from Germany, in J Expo Anal Environ Epidemiol, vol. 12, nº 4, luglio 2002, pp. 252-258, DOI:10.1038/sj.jea.7500228, PMID 12087431.
  47. ^ (EN) Dutton DJ, The association between amalgam dental surfaces and urinary mercury levels in a sample of Albertans, a prevalence study, in J Occup Med Toxicol, vol. 8, nº 1, 29 agosto 2013, p. 22, DOI:10.1186/1745-6673-8-22, PMID 23984857, PMC 3766055.
  48. ^ (EN) Barregård L, Sällsten G, Järvholm B, People with high mercury uptake from their own dental amalgam fillings, in Occup Environ Med, vol. 52, nº 2, febbraio 2005, pp. 124-128, PMID 7757165, PMC 1128166.
  49. ^ (EN) Barregard L, Mercury from dental amalgam: looking beyond the average, in Occup Environ Med, vol. 62, nº 6, giugno 2005, pp. 352-353, DOI:10.1136/oem.2004.018911, PMID 15901879, PMC 1741026.
  50. ^ (EN) Miriam Varkey I, Shetty R, Hegde A, Mercury exposure levels in children with dental amalgam fillings, in Int J Clin Pediatr Dent, vol. 7, nº 3, settembre-dicembre 2014, p. 180-185, DOI:10.5005/jp-journals-10005-1261, PMID 25709298, PMC 4335109.
  51. ^ a b (EN) Mercury and health, WHO, settembre 2013. URL consultato il 05 gennaio 2015.
  52. ^ (EN) News Public Health (08-05-2015), European Commission, 8 maggio 2015. URL consultato il 05 gennaio 2015.
  53. ^ (EN) Wheeler M, The issue of amalgams, in Environ Health Perspect, vol. 34, nº 3, National Institute of Environmental Health Science, agosto 1996, p. 831, PMID 8875155, PMC 1469434.
  54. ^ Sabrina Giannini, L'AMALGAMA: IL DENTE AVVELENATO (Aggiornamento), in Report, 29 aprile 2002. URL consultato il 6 gennaio 2016.
  55. ^ (EN) Balevi B, Are dental amalgams toxic to children? Comment on 2 recently published randomized controlled trials (PDF), in J Can Dent Assoc, vol. 73, nº 1, febbraio 2007, pp. 51-54, PMID 17295944. URL consultato il 2 gennaio 2016.
  56. ^ (EN) Baldwin EA, Controlled trials of dental amalgam are needed, in BMJ, vol. 309, nº 6962, 29 ottobre 1994, p. 1161, PMID 7987131, PMC 2541953.
  57. ^ (EN) Oliver Burckeman, Toxic debate, in The Guardian, 9 maggio 2000. URL consultato il 2 gennaio 2016.
  58. ^ (EN) Langworth S, Shetty R, Hegde A, Experiences from the amalgam unit at Huddinge hospital--somatic and psychosomatic aspects, in Scand J Work Environ Health, 23 suppl 3, 1997, p. 65-67, PMID 9456069.
  59. ^ (EN) Ohmoto K, et al, Mercury evaporation from amalgams with varied mercury contents, in Dent Mater J, vol. 19, nº 3, p. 211-220, DOI:10.4012/dmj.19.211, PMID 11218842.
  60. ^ (EN) Warwick R, O'Connor A, Lamey B, Mercury vapour exposure during dental student training in amalgam removal, in J Occup Med Toxicol, vol. 8, nº 1, 3 ottobre 2013, p. 27, DOI:10.1186/1745-6673-8-27, PMID 24090056, PMC 3850894.
  61. ^ Ministero della Salute, Decreto 10 ottobre 2001, su gazzettaufficiale.it, Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato. URL consultato il 9 gennaio 2015.
  62. ^ (EN) Skare I, et al, Mercury exposure of different origins among dentists and dental nurses, in Scand J Work Environ Health, vol. 16, nº 5, ottobre 1990, pp. 340-347, DOI:10.5271/sjweh.1774, PMID 2255875.
  63. ^ (EN) Lindbohm ML, et al, Occupational exposure in dentistry and miscarriage, in Occup Environ Med, vol. 64, nº 2, febbraio 2007, pp. 127-133, PMID 17053021, PMC 2078431.
  64. ^ (EN) Segura-Egea JJ, Bullón-Fernández P, Lichenoid reaction associated to amalgam restoration (PDF), in Med Oral Patol Oral Cir Bucal, vol. 9, nº 5, novembre-dicembre 2004, pp. 421-424, PMID 15580119. URL consultato il 6 gennaio 2015.
  65. ^ (EN) Sharma R, et al, Role of dental restoration materials in oral mucosal lichenoid lesions, in Indian J Dermatol Venereol Leprol, vol. 81, nº 5, settembre-ottobre 2015, pp. 478-484, DOI:10.4103/0378-6323.162341, PMID 26261149.
  66. ^ (EN) Galletta VC, et al, Extensive amalgam tattoo on the alveolar-gingival mucosa, in An Bras Dermatol, vol. 86, nº 5, settembre-ottobre 2011, pp. 1019-1021, DOI:10.1590/S0365-05962011000500026, PMID 22147048.
  67. ^ (EN) Gojkov-Vukelic M, Hadzic S, Pasic E, Laser Treatment of Oral Mucosa Tattoo, in Acta Otorrinolaringol Esp, vol. 19, nº 4, dicembre 2011, pp. 244-246, DOI:10.5455/aim.2011.19.244-246, PMID 23408182, PMC 3564178.
  68. ^ (EN) Vera-Sirera B, et al, Clinicopathological and immunohistochemical study of oral amalgam pigmentation, in Acta Otorrinolaringol Esp, vol. 63, nº 5, settembre-ottobre 2012, pp. 376-381, DOI:10.1016/j.otorri.2012.02.004, PMID 22502738.
  69. ^ (EN) Lundin K, Schmidt G, Bonde C, Amalgam Tattoo Mimicking Mucosal Melanoma: A Diagnostic Dilemma Revisited, in Case Rep Dent, vol. 2013, 2013, pp. 787294, DOI:10.1155/2013/787294, PMID 23533829, PMC 3606745.
  70. ^ (EN) Minamata Convention Agreed by Nations, United Nations Environment Programme, 19 gennaio 2013. URL consultato il 7 gennaio 2015.
  71. ^ (EN) EU mercury strategy, European Commission, 26 ottobre 2015. URL consultato il 9 gennaio 2015.
  72. ^ (EN) Mudgal S, et al, Study on the potential for reducing mercury pollution from dental amalgam and batteries, Final report prepared for the European Commission – DG ENV (PDF), 2012.
  73. ^ (EN) Pascale Santi, French dentists move away from mercury fillings, in The Guardian, 8 febbraio 2011. URL consultato il 9 gennaio 2016.
  74. ^ Decreto Legislativo 5 febbraio 1997, n. 22, su gazzettaufficiale.it, Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato. URL consultato il 9 gennaio 2015.
  75. ^ Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio Direttiva 9 aprile 2002, su gazzettaufficiale.it, Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato. URL consultato il 9 gennaio 2015.
  76. ^ Decreto del Presidente della Repubblica 15 luglio 2003, n. 254, su gazzettaufficiale.it, Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato. URL consultato il 9 gennaio 2015.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Bruno De Michelis, Remo Modica, Giorgio Re, Clinica Odontostomatologica, Edizioni Minerva Medica, 1992, pp. 251-254, ISBN 88-7711-146-1.
  • Detlef Heidemann, et al, Odontoiatria Conservativa II, in Werner Ketterl e Giorgio Vogel (a cura di), Biblioteca di odontoiatria pratica, USES Edizioni Scientifiche Firenze, 1989, pp. 155-186, ISBN 88-03-00270-7.
  • Peter Riethe, Günter Rau, Carioprofilassi e Terapia Conservativa, in Klaus H. Rateitschak (a cura di), Atlante di odontoiatria, traduzione di Anna Sassi, Piccin, 1992, pp. 140-171, ISBN 88-299-1017-1.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina