Alfabeto polacco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'alfabeto polacco è la forma di alfabeto utilizzato per scrivere la lingua polacca. È basato sull'alfabeto latino, sebbene siano presenti alcune lettere ed alcuni accenti specifici che servono per la trascrizione di particolari suoni caratteristici della lingua polacca.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

L'alfabeto è costituito da 32 lettere che includono 9 vocali e 23 consonanti arricchite da segni diacritici come l'ogonek (Ą ą Ę ę), l'accento acuto (ć, ń, ó, ś, ź), la barra obliqua (Ł ł), il punto sovrascritto (Ż ż). Fa inoltre uso di 7 digrammi, detti dwuznaki (ch [x], cz [t͡ʂ], dz [dz], dź [ʥ], dż [d͡ʐ], rz [ʐ], sz [ʂ]) e 1 trigramma, detto trójznak (dzi [ʥi]).

Le lettere[modifica | modifica wikitesto]

  1. Aa [a]
  2. Ąą [ɔ̃]
  3. Bb [b]
  4. Cc [ts]
  5. Ćć [t͡ɕ]
  6. Dd [d]
  7. Ee [ɛ]
  8. Ęę [ɛ̃]
  9. Ff [f]
  10. Gg [g]
  11. Hh [x]
  12. Ii [i]
  13. Jj [j]
  14. Kk [k]
  15. Ll [l]
  16. Łł [w]
  1. Mm [m]
  2. Nn [n]
  3. Ńń [ɲ]
  4. Oo [ɔ]
  5. Óó [u]
  6. Pp [p]
  7. Rr [r]
  8. Ss [s]
  9. Śś [ɕ]
  10. Tt [t]
  11. Uu [u]
  12. Ww [v]
  13. Yy [ɨ]
  14. Zz [z]
  15. Źź [ʑ]
  16. Żż [ʐ]

Le lettere Q, V e X non esistono nell'alfabeto polacco, e vengono utilizzate solo in termini derivati o di origine straniera. Molto spesso, vengono sostituite con kw, w e ks (come in kwarc quarzo, weranda veranda, ekstra extra).

I digrammi[modifica | modifica wikitesto]

  1. ch [x]
  2. cz [ʧ̑]
  3. dz [dz]
  4. dź [ʥ]
  5. dż [d͡ʐ]
  6. rz [ʐ]
  7. sz [ʂ]

Il trigramma[modifica | modifica wikitesto]

  1. dzi [ʥi]