Alessandro Pizzorno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Alessandro Pizzorno (Trieste, 1924) è un sociologo italiano.

Triestino di nascita è un sociologo e politologo di fama internazionale.

Ha compiuto studi di filosofia presso l'Università di Torino, e di Scienze sociali a Vienna e a Parigi.

Nel 1953 ha assunto la direzione del Centro di relazioni industriali della Olivetti di Ivrea.

Ha insegnato presso importanti università italiane ed estere: Università di Urbino, Università Statale di Milano, Università di Oxford (Nuffield College), Università di Harvard, Università di Teheran e presso l'Istituto Universitario Europeo (I.U.E.) di Fiesole.

Pizzorno oltre agli importanti studi sulla materia sociologica, ha condotto ricerche di sociologia economica e politica, in special modo sulle organizzazioni sindacali e sui conflitti di classe, sulla politica italiana e i suoi aspetti, sui rapporti tra sistemi politici ed economici nelle società industriali.

È stato insignito di alcuni premi, tra cui la Medaglia del Presidente della Repubblica al Premio Nazionale Letterario Pisa, in qualità di illustre sociologo italiano.

Opere letterarie[modifica | modifica wikitesto]

  • Le classi sociali (Il Mulino, 1959)
  • Comunità e razionalizzazione (Einaudi, 1960)
  • Lotte operaie e sindacato in Italia 1968-1972 (1974-1978)
  • Le regole del pluralismo (1980)
  • I soggetti del pluralismo. Classi, partiti, sindacati (Bologna, 1980)
  • Le radici della politica assoluta (Feltrinelli, 1993)
  • Il potere dei giudici ("Il nocciolo", Laterza, 1998)
  • Il velo della diversità. Studi su razionalità e riconoscimento (Feltrinelli, 2007)
  • Sulla maschera (Il Mulino, 2008)
Controllo di autoritàVIAF: (EN41879835 · ISNI: (EN0000 0000 6645 0507 · LCCN: (ENn79084212 · BNF: (FRcb121632918 (data)