Alessandra Tarquini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Alessandra Tarquini (Roma, 6 maggio 1970) è una storica italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Allieva di Renzo De Felice,[1] ha studiato anche con Emilio Gentile e Gaetano Calabrò ed è stata borsista dell'Istituto italiano per gli studi storici. È docente associato di storia contemporanea all'Università la Sapienza.[2]

Studiosa di cultura e politica italiana del Novecento, ha pubblicato monografie e saggi in riviste e miscellanee (si ricorda in particolare quello su Il partito socialista fra guerra fredda e "questione ebraica": sionismo, antisemitismo e conflitto arabo-israeliano nella stampa socialista, dalla nascita della Repubblica alla fine degli anni sessanta, in Ebraismo, sionismo e antisemitismo nella stampa socialista italiana dalla fine dell'Ottocento agli anni Sessanta, a cura di Mario Toscano, Venezia, Marsilio, 2007, pp. 161-232 e alcune voci scritte per il Dizionario biografico degli italiani).

Ha curato le edizioni dei carteggi Croce-Tilgher (Bologna, Il Mulino, 2004) e Gentile-Prezzolini (Roma, Edizioni di Storia e letteratura, 2006). Ha collaborato a diverse trasmissioni RAI (sul Principe[3], sulla Grande guerra[4]), e a programmi quali Wikiradio[5], Il tempo e la storia[6], Pagina 3[7].

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

  • Il Gentile dei fascisti: gentiliani e antigentiliani nel regime fascista, Bologna, il Mulino, 2009
  • Storia della cultura fascista, Bologna, il Mulino, 2011 (2ª ed., 2016)

Note[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN69219001 · ISNI (EN0000 0000 6154 6622 · SBN IT\ICCU\RAVV\095860 · LCCN (ENn2005002443 · GND (DE1097609758 · BNF (FRcb15066004x (data) · BAV ADV12077607
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie