Aleksej Vasil'evič Rekeev

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Aleksej Vasil'evič Rekeev

Aleksej Vasil'evič Rekeev (in russo: Алексей Васильевич Рекеев?; Koški-Novotimbaevo, 1848Bajglyčevo, 1932) è stato un religioso, traduttore e missionario russo, di etnia tataro-ciuvascia, scrisse e tradusse principalmente in russo, tataro e ciuvascio. È considerato, assieme a Ivan Jakovlevič Jakovlev, uno dei padri fondatori della letteratura ciuvascia moderna.

Giovinezza e missioni di evangelizzazione[modifica | modifica wikitesto]

Nato da una famiglia di contadini benestanti, da padre ciuvascio e madre tatara, studiò a Simbirsk in seminario. Fin da piccolo dimostrò un'innata voglia di conoscenza; negli anni a seguire conobbe Jakovlev, che fu suo grande amico e maestro. Nel 1872 iniziò l'attività di insegnante e missionario nella provincia di Simbirsk. Apprezzato traduttore, iniziò anche la traduzione del Vangelo in tataro e ciuvascio. Negli anni a seguire fu mandato in varie missioni in Tatarstan.[non chiaro] Durante il Primo conflitto mondiale organizzò centri di raccolta per i poveri e gli orfani di guerra.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (RU) Алексеев И.Е. Православная миссия в Казанской епархии в конце XIX – начале XX вв./ Выпуск I: Статьи и документы по истории православного миссионерства, храмов и монастырей. – Казань: ООО «Астория», 2010. – С.с. 117 – 120.
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie