Alberto Arrighi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

« Non possiamo cedere un grammo di libertà per un grammo di sicurezza in più. »

(Alberto Arrighi[1])
Alberto Arrighi
Alberto arrighi.jpg
Alberto Arrighi durante un comizio

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature XIV
Gruppo
parlamentare
Alleanza Nazionale
Circoscrizione IV (Lombardia 2)
Incarichi parlamentari
  • membro della III commissione affari esteri e comunitari (20 ottobre 2005 - 27 aprile 2006)
  • membro della VII commissione cultura, scienza e istruzione (20 giugno 2001 - 10 aprile 2002)
  • membro della X commissione attività produttive, commercio e turismo (10 aprile 2002 - 27 aprile 2006)
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Alleanza Nazionale

Alberto Arrighi (Lecco, 31 agosto 1968) è un politico italiano.

Attività politica[modifica | modifica wikitesto]

Inizia nel 1982 la militanza politica nel Fronte della Gioventù e nelle organizzazioni studentesche di destra. Nel 1985 è segretario cittadino di Lecco del Fronte della Gioventù. Nel 1988 è consigliere comunale di Lecco per il MSI-DN. Dal 1988 al 1991 è dirigente nazionale e presidente provinciale di Milano del FUAN. Entra nella direzione nazionale del FdG e nel 1992 viene eletto segretario provinciale lecchese. Nel 1994 è segretario provinciale della neonata federazione lecchese del Movimento Sociale Italiano, incarico che gli viene riconfermato in Alleanza Nazionale dopo il Congresso di Fiuggi del 1995.

Nel 1996 si candida alla presidenza nazionale di Azione Giovani; al congresso di fondazione a Rieti, ottiene quasi il 50% dei voti; è nominato vicepresidente nazionale e responsabile dei problemi del lavoro e della disoccupazione giovanile, incarico che mantiene fino all'estate del 2001, quando - dopo essere stato eletto parlamentare - si dimette.

È stato eletto alla Camera dei Deputati nel 2001 nella circoscrizione Lombardia-2 nella lista di Alleanza Nazionale. Entra dapprima a far parte della Commissione cultura e istruzione e successivamente della Commissione attività produttive, commercio e turismo e della Commissione affari esteri.

Ha fatto parte della Direzione nazionale di Alleanza Nazionale. All'interno del partito ha ricoperto diversi ruoli, tra i quali quello di responsabile dell'associazionismo e delle politiche di tutela del consumatore, e quello di vice-coordinatore del dipartimento dei problemi dello Stato.

Nel corso della sua vita ha partecipato a missioni umanitarie durante la guerra del Libano, nei Balcani, nell'Irlanda del Nord, nella Romania appena uscita dal comunismo. Come rappresentante della Commissione affari esteri della Camera ha partecipato agli incontri del WTO round di Hong Kong del dicembre 2005.

A luglio 2007 lascia Alleanza Nazionale e aderisce al movimento politico La Destra di Francesco Storace. È stato Segretario regionale della Lombardia e membro dell'ufficio politico nazionale de La Destra. Successivamente, a seguito di un ripensamento personale, lascia il partito. Nell'ottobre 2010, ha aderito a Futuro e Libertà, movimento dal quale si è poi distaccato a causa del sostegno dato al governo Monti.

Nel febbraio 2014 ha fondato il movimento Patriæ - Fronte dei Popoli Europei con lo scopo dichiarato di costruire un ponte tra il mondo proveniente dalla militanza a destra e la Lega Nord. Per tale motivo il movimento è stato presentato alla Camera dei Deputati insieme al Segretario federale della Lega Nord, Matteo Salvini. Questo stesso percorso si sta ora concretizzando nell'adesione a Sovranità.

Note[modifica | modifica wikitesto]