Aigulfo di Lerins

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sant'Aigulfo

Abate e martire

 
Nascitaverso il 630
Mortetra il 674 e il 681
Venerato daTutte le Chiese che ammettono il culto dei santi
Ricorrenza3 settembre

Aigulfo, o Aigolfo, in lingua francese Aigulphe o Aygulf o Ayoul (Blois, 630 circa – Isola di Capraia, ...  tra il 674 e il 681), è stato un monaco cristiano e abate franco. Fu monaco benedettino, divenne abate e subì il martirio.

Agiografia[modifica | modifica wikitesto]

Originario di Blois, figlio di genitori di umile condizione ma pii, verso i vent'anni si fece monaco entrando nell'abbazia di Fleury a Saint-Benoît-sur-Loire, subito dopo la sua fondazione (651). La leggenda vuole che abbia partecipato alla traslazione delle reliquie di san Benedetto da Montecassino a Fleury. La data di questo evento è tuttavia incerta, ma secondo i bollandisti si tratta solo di una leggenda.[1][2].

Verso il 661 fu inviato da Clotario III come abate a riformare l'abbazia di Lerino. Qui, verso il 675, i monaci Arcadio e Colombo, con l'aiuto del vescovo di Uzès, Mummolo, gli si ribellarono, lo gettarono in prigione, gli tagliarono la lingua e gli cavarono gli occhi. Infine lo consegnarono con altri 33 monaci a dei pirati, che li uccisero sull'isola di Capraia. Il suo corpo fu riportato all'abbazia di Lerino nel 675 da Rigomir, abate di Lerino.

La sua memoria liturgica cade il 3 settembre.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Santi, beati e testimoni - sant'Agilulfo
  2. ^ In effetti la prima menzione della traslazione si ha nella cronaca di Aldrevaldo di Fleury, dell'IX secolo e la traslazione sarebbe stata opera di san Mommolino, abate di Fleury.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Aigulfo di Lerins, in Santi, beati e testimoni - Enciclopedia dei santi, santiebeati.it.