Ahl al-Kahf

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ahl al-Kahf
dipartimento
Localizzazione
StatoGiordania Giordania
GovernatoratoAmman
Territorio
Coordinate31°54′N 35°59′E / 31.9°N 35.983333°E31.9; 35.983333 (Ahl al-Kahf)Coordinate: 31°54′N 35°59′E / 31.9°N 35.983333°E31.9; 35.983333 (Ahl al-Kahf)
Abitanti1 500 (2000)
Altre informazioni
Fuso orarioUTC+2
Cartografia
Mappa di localizzazione: Giordania
Ahl al-Kahf
Ahl al-Kahf
Ahl al-Kahf
EpocaEpoca imperiale
Epoca bizantina
Localizzazione
StatoGiordania Giordania
GovernatoratoAmman
Mappa di localizzazione

Ahl al-Kahf[1] è un villaggio della Giordania situato a 13 km a sud della capitale, Amman.

In questo villaggio la quasi totalità della popolazione è di etnia araba e di religione islamica e si aggira attorno ai 1500 abitanti, dediti soprattutto all'artigianato locale. Ma l'economia si basa principalmente sui pellegrinaggi di numerosi credenti musulmani, che vengono per visitare la grotta dei sette dormienti[2].

Queste grotte sono riconducibili al periodo di dominazione romana, ma la loro grande importanza per l'Islam è dovuta ad un racconto contenuto nel Corano: sette ragazzi che credevano in Dio si sarebbero nascosti in una di queste grotte per sfuggire alla persecuzione di un tiranno che voleva costringerli ad abiurare il loro credo; nella grotta Allah li avrebbe fatti addormentare tanto profondamente che i persecutori, quando li trovarono, li credettero morti. Il racconto coranico sostiene che essi si svegliarono dopo trecento anni (e ne aggiungono nove, facendo l'equazione con gli anni lunari).

Dopo diversi secoli i conquistatori musulmani resero onore ai sette fanciulli decorando le grotte l'entrata del sepolcro con colonne riccamente addobbate con motivi floreali[3].

Altra meta di pellegrinaggio del villaggio è la moschea, un tempo chiesa bizantina, riconvertita durante il regno della dinastia degli Omayyadi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sugli atlanti occidentali compare come una piccola città
  2. ^ Conosciuta anche come grotta ar-Rajib
  3. ^ Tipica espressione dell'arte islamica

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN309650039
Antica Roma Portale Antica Roma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Antica Roma