Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali
Sede centrale AGENAS.jpeg
Sede centrale AGENAS a Roma.
Stato Italia Italia
Tipo Ente pubblico non economico
Sigla AGENAS
Istituito 1993
Presidente Luca Coletto
Direttore Generale Francesco Bevere
Sede Roma
Indirizzo Via Piemonte, 60 - via Puglie, 23
Sito web www.agenas.it

L'Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali (Agenas) è un Ente pubblico non economico di rilievo nazionale, istituito con decreto legislativo il 30 giugno 1993, n.266 e successive modificazioni, che svolge funzioni di supporto al Ministero della Salute e alle Regioni per le strategie di sviluppo e innovazione del Servizio sanitario nazionale. Obiettivo prioritario e qualificante dell'Agenzia è lo svolgimento di attività di supporto tecnico-operativo alle politiche di governo dei sistemi sanitari di Stato e Regioni, all'organizzazione dei servizi e all'erogazione delle prestazioni sanitarie, in base agli indirizzi della Conferenza Unificata (20 settembre 2007). L'Agenzia realizza tale obiettivo tramite attività di monitoraggio, di valutazione, di formazione e di ricerca orientate allo sviluppo del sistema salute. L'attuale Direttore Generale in carica è il prof. Francesco Bevere.

Funzioni[modifica | modifica wikitesto]

Monitoraggio e Valutazione[modifica | modifica wikitesto]

Il Ministero della Salute, nell'ambito di un sistema di valutazione della sanità, si avvale di Agenas per il monitoraggio e l'analisi della spesa sanitaria, in rapporto alle prestazioni erogate e alle principali variabili che la influenzano, ossia qualità, efficienza ed equità. Nella stessa ottica, l'osservazione dei livelli essenziali di assistenza (LEA) è monitorata tenendo conto del profilo di garanzia e di equità, nonché in relazione alla valutazione delle performance organizzative, affinché i LEA siano uniformemente ed equamente assicurati su tutto il territorio. Per conto del Ministero della Salute e in collaborazione con le Regioni, Agenas sviluppa il Programma Nazionale di valutazione Esiti (PNE), un'attività istituzionale del Servizio sanitario nazionale relativa alle prestazioni erogate dalle strutture ospedaliere pubbliche e private. Il PNE costituisce uno strumento di valutazione a supporto di programmi di auditing clinico e organizzativo, finalizzato al miglioramento dell'efficacia e dell'equità nel SSN. Su mandato della Conferenza Unificata del 2007, l'Agenzia promuove lo sviluppo all'interno dei servizi sanitari regionali del processo di empowerment, inteso come indice di soddisfazione e valutazione da parte dei cittadini dei servizi per la salute e partecipazione consapevole nelle decisioni che riguardano la propria salute.

Organizzazione dei Servizi Sanitari[modifica | modifica wikitesto]

L'Agenzia è chiamata a svolgere il ruolo di “supporto tecnico-operativo alle politiche di governo condivise tra Stato e Regioni per lo sviluppo e la qualificazione del Servizio sanitario nazionale” (Conferenza unificata 20 settembre 2007). In particolare, Agenas affianca le Regioni nella definizione dei Piani sanitari regionali, analizza le attività di emergenza e ospedaliere e propone la riorganizzazione delle stesse, in coerenza con quanto previsto dalle recenti normative nazionali di riferimento. Per l'assistenza primaria monitora l'organizzazione della rete territoriale e l'area della fragilità e della non autosufficienza, anche attraverso la promozione della diffusione nazionale, regionale e locale dei modelli che abbiano dato buoni risultati.

Qualità e Appropriatezza[modifica | modifica wikitesto]

Secondo gli indirizzi stabiliti dalla Conferenza unificata del 20 settembre 2007, Agenas promuove il miglioramento continuo della qualità attraverso numerose attività svolte nell'ambito delle seguenti macro-aree:

  • Accreditamento istituzionale e all'eccellenza delle strutture socio-sanitarie;
  • Accessibilità ai servizi sanitari, in particolare tempi e liste di attesa;
  • Gestione del rischio clinico e sicurezza del paziente;
  • Linee guida clinico-organizzative;
  • Promozione dei modelli di reti oncologiche e percorsi clinico-assistenziali in oncologia.

HTA - Health Technology Assessment[modifica | modifica wikitesto]

L'Agenzia ha il compito di favorire la diffusione delle innovazioni rilevanti e la conoscenza dei risultati delle sperimentazioni. I diversi aspetti dell'innovazione tecnologica e organizzativa vengono approfonditi per proporre soluzioni per il miglioramento dell'efficienza e della qualità dei servizi sanitari attraverso:

  • Valutazione delle tecnologie biomediche (Health Technology Assessment - HTA);
  • Processi di Horizon Scanning (HS);
  • RIHTA – coordinamento delle tecnostrutture regionali che si occupano di HTA;
  • Ricognizione delle sperimentazioni gestionali e rilevazione dei prezzi delle tecnologie biomediche.

Le attività sono condotte in collaborazione con il Servizio sanitario nazionale e i network internazionali INAHTA, EuroScan ed EunetHTA. Accanto alle attività di Health Technology Assessment, l'Agenzia svolge attività di studio e supporto al Ministero della Salute e alle Regioni nel settore dei Dispositivi medici.

ECM - Educazione Continua in Medicina[modifica | modifica wikitesto]

La gestione amministrativa del Programma Nazionale ECM e il supporto alla Commissione Nazionale per la Formazione Continua sono competenza esclusiva dell'Agenas dal 1º gennaio 2008. L'Accordo Stato Regioni del 1/08/07 individua nell'Agenzia la “casa comune” a livello nazionale in cui collocare la Commissione nazionale e gli organismi che la corredano:

  • il Comitato tecnico delle Regioni;
  • l'Osservatorio Nazionale;
  • il Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie (CoGeAPS);
  • la Consulta Nazionale della formazione permanente.

Piani di Rientro e Riqualificazione[modifica | modifica wikitesto]

Agenas, in virtù della convenzione stipulata nell'ambito del Siveas (Sistema nazionale di verifica e controllo sull'assistenza sanitaria), svolge attività di affiancamento alle Regioni che hanno sottoscritto il Piano di rientro dal deficit, di riequilibrio finanziario e riorganizzazione dei servizi, di cui all'art. 1, comma 180 della legge 311/2004 (legge finanziaria 2005). Compito dell'Agenzia è, in questo contesto, quello di garantire la propria collaborazione al fine di monitorare e supportare le Regioni deficitarie nell'attuazione dei Piani di rientro, analizzando le cause strutturali del deficit, valutando le criticità emerse e proponendo modelli e interventi per la loro progressiva soluzione.

Organizzazione[modifica | modifica wikitesto]

L'Agenzia Nazionale per i servizi sanitari regionali è un ente con personalità giuridica di diritto pubblico, sottoposto alla vigilanza del Ministero della Salute. Sono organi dell'Agenzia il Presidente, il Consiglio di Amministrazione, il Collegio dei Revisori dei conti. L'organizzazione dell'Agenzia, al cui vertice gestionale si colloca il Direttore Generale, si articola nelle seguenti Aree funzionali:

  • LEA - Monitoraggio Spesa sanitaria
  • Monitoraggio costi e tariffe del sistema sanitario;
  • Organizzazione dei servizi sanitari
  • Qualità e Accreditamento;
  • Innovazione, Sperimentazione e Sviluppo - HTA - HS;
  • Piani di rientro ed Educazione continua in medicina;
  • Risorse umane, organizzazione e bilancio.

Nell'organizzazione dell'Agenzia sono individuate specifiche funzioni a supporto delle attività di indirizzo e gestione della Presidenza e della Direzione dell'Ente:

  1. Sviluppo organizzativo;
  2. Sistemi informatici e statistici;
  3. Ufficio stampa e comunicazione.

Normativa[modifica | modifica wikitesto]

  • Istituzione dell'Agenzia:
  • Attribuzione della Conferenza Stato-Regioni e della Conferenza Unificata nei confronti dell'Agenzia:
    • Art.2, comma 9 e art.9, comma 2 lettera g del Decreto legislativo 28 agosto 1997 n.281
  • Riordino dell'Agenzia:
    • Decreto legislativo 31 marzo 1998, n.115
  • Attribuzione di nuovi compiti nel contesto delle misure di finanza pubblica per la stabilizzazione e lo sviluppo:
    • Art. 28, commi 11 e 13; art 68, commi 4 e 7; art.71, comma 2 della legge 23 dicembre 1998, n.448
  • Norme per la realizzazione del Servizio sanitario nazionale:
    • Art.1, commi 14,15 e 17; art.2 comma 2-octies; art.5 comma 6; art.8-quater comma 3;
    • art.8-sixies commi 3, 5 e 8;art.8 -octies comma 3; art.9 -bis comma 3; art.12-bis comma 6;
    • art.19-bis commi 1 e 2; art.19-ter, commi 1, 2 e 3, Decreto legislativo 19 giugno 1999 n.229.
  • Modifiche dell'assetto funzionale dell'Agenzia:
    • Art.2 del Decreto legge 19 febbraio 2001, n.17 convertito nella legge 28 marzo 2001, n.129
  • Regolamento dell'Agenzia:
    • Deliberazione del Consiglio di amministrazione dell'8 maggio 2001, approvato con decreto interministeriale del 31 maggio 2001
  • Regolamento per l'accesso ai documenti amministrativi (deliberazione consiliare 23/07)
  • Nuovi indirizzi di attività:
    • Deliberate dalla Conferenza Unificata 19 giugno 2003
    • Deliberate dalla Conferenza Unificata 20 settembre 2007
  • Ridenominazione dell'Agenzia e trasferimento competenze ECM:
    • Art. 2, commi dal 357 al 360, della Legge n.244 del 24 dicembre 2007 (finanziaria per l'anno 2008)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Italia Portale Italia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Italia