Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali
Sede centrale AGENAS.jpeg
Sede centrale AGENAS a Roma.
StatoItalia Italia
TipoEnte pubblico non economico
SiglaAGENAS
Istituito1993
Presidente Facente FunzioniStefano De Lillo
Direttore GeneraleFrancesco Bevere
SedeRoma
IndirizzoVia Piemonte, 60 - via Puglie, 23
Sito webwww.agenas.it

L'Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali (AGENAS) è un Ente pubblico non economico di rilievo nazionale, istituito con decreto legislativo il 30 giugno 1993, n.266 e successive modificazioni, e sottoposta alla vigilanza del Ministero della Salute, svolge i compiti individuati dalla Conferenza Unificata, nonché ogni altro compito previsto dalle disposizioni normative vigenti. Interessata da due interventi di riorganizzazione, il primo nel 2012 e il più recente con la legge di bilancio per il 2018, l'AGENAS ha consolidato nel tempo la sua mission, di cui è espressione il nuovo Statuto approvato il 18 maggio 2018, che la vede "organo tecnico-scientifico del SSN che svolge attività di ricerca e supporto nei confronti del Ministro della Salute, delle Regioni e delle Province autonome di Trento e Bolzano" ai sensi dell'art. 2, comma 357, legge 24 dicembre 2007 n.244. Punto di raccordo tra il livello centrale, regionale e aziendale, l'AGENAS assicura il proprio supporto tecnico-operativo alle Regioni e alle singole aziende sanitarie in ambito organizzativo, gestionale, economico, finanziario e contabile, in tema di efficacia degli interventi sanitari, nonché di qualità, sicurezza e umanizzazione delle cure.

Organizzazione[modifica | modifica wikitesto]

L'Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali è un ente con personalità giuridica di diritto pubblico, sottoposto alla vigilanza del Ministero della Salute. Sono organi dell'Agenzia il Presidente, il Consiglio di Amministrazione, il Collegio dei Revisori dei conti. L'organizzazione dell'Agenzia, al cui vertice gestionale si colloca il Direttore Generale, si compone di: Coordinamento Area Amministrativa

  • Risorse Umane, trattamento giuridico ed economico del personale
  • Bilancio, contabilità e controllo di gestione
  • Beni e servizi e patrimonio
  • ICT, gestione dei servizi tecnici e della logistica

Coordinamento Area tecnico-scientifica

  • Analisi e monitoraggio delle performance dei servizi sanitari a supporto del Ministero della salute, delle Regioni e degli Enti del SSN
  • Qualità, sicurezza, buone pratiche ed umanizzazione delle cure
  • Revisione e monitoraggio delle reti cliniche e sviluppo organizzativo
  • HTA: innovazione e sviluppo a supporto delle Regioni
  • Ricerca e rapporti internazionali

Affari generali e legali Comunicazione e relazioni esterne Formazione e supporto al programma nazionale ECM

Normativa[modifica | modifica wikitesto]

RIFERIMENTI NORMATIVI

  • Istituzione dell'Agenzia:
  • Decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281 recante: "Definizione ed ampliamento delle attribuzioni della Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e Bolzano ed unificazione, per le materie ed i compiti di interesse comune delle regioni, delle province e dei comuni, con la Conferenza Stato - città ed autonomie locali"
  • Decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 115 recante: "Completamento del riordino dell'Agenzia per i servizi sanitari regionali, a norma degli articoli 1 e 3, comma 1, lettera c), della legge 15 marzo 1997, n. 59"
  • Legge 23 dicembre 1998, n. 448 recante: "Misure di finanza pubblica per la stabilizzazione e lo sviluppo"
  • Decreto legislativo 19 giugno 1999, n. 229 recante: "Norme per la razionalizzazione del Servizio sanitario nazionale, a norma dell'articolo 1 della legge 30 novembre 1998, n. 419"
  • Decreto legge 19 febbraio 2001, n.17 recante: "Interventi per il ripiano dei disavanzi del Servizio sanitario nazionale al 31 dicembre 1999, nonché per garantire la funzionalità dell'Agenzia per i servizi sanitari regionali"
  • Legge 3 agosto 2001, n. 317 recante: "Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 12 giugno 2001, n. 217, recante modificazioni al decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300, nonché alla legge 23 agosto 1988, n. 400, in materia di organizzazione del Governo"
  • Legge 30 dicembre 2004, n. 311 recante: "Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2005)"
  • Legge 23 dicembre 2005, n. 266 recante: "Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2006)"
  • Conferenza permamente per i rapporti tra lo Stato le Regioni e le Province Autonome di Trento e Bolzano - Intesa del 23 marzo 2005, ai sensi dell'articolo 8, comma 6, della legge 5 giugno 2003, n. 131, in attuazione dell'articolo 1, comma 173, della legge 30 dicembre 2004, n. 311
  • Legge 27 dicembre 2006, n. 296 recante: "Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato" (legge finanziaria 2007)
  • Legge 24 dicembre 2007, n. 244 recante: "Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2008)
  • Legge 23 dicembre 2009, n. 191 recante: "Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2010)"
  • Legge 15 marzo 2010, n. 38 recante: "Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore"
  • Decreto legge 6 luglio 2011, n. 98 recante: "Disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria", convertito con modificazioni, dalla legge 15 luglio 2011, n. 111
  • Decreto legge 13 agosto 2011, n. 138 recante: "Ulteriori misure urgenti per la stabilizzazione finanziaria e per lo sviluppo", convertito con modificazioni dalla legge 14 settembre 2011, n. 148
  • Decreto legge 13 settembre 2012, n.158 recante: "Disposizioni urgenti per promuovere lo sviluppo del Paese mediante un più alto livello di tutela della salute", convertito, con modificazioni, dalla legge 8 novembre 2012, n. 189
  • Decreto legislativo 28 giugno 2012, n. 106 recante: "Riorganizzazione degli enti vigilati dal Ministero della salute, a norma dell'articolo 2 della legge 4 novembre 2010, n. 183"
  • Decreto legge 6 luglio 2012, n. 95 recante "Disposizioni urgenti per la revisione della spesa pubblica con invarianza dei servizi ai cittadini", convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 135
  • Legge 27 dicembre 2013, n. 147 recante: "Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (Legge di stabilità 2014)"
  • Legge 23 dicembre 2014, n. 190 recante: "Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (Legge di stabilità 2015)"
  • Legge 28 dicembre 2015, n. 208, "Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (Legge di stabilità 2016)"

COMPITI DELL'AGENAS ATTRIBUITI DAL PATTO PER LA SALUTE E DAL REGOLAMENTO DEGLI STANDARD OSPEDALIERI

  • Patto per la salute 2006 - 2008. Intesa del 5 ottobre 2006 in sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province Autonome di Trento e di Bolzano
  • Patto per la salute 2010 - 2012. Intesa del 3 dicembre 2009 in sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province Autonome di Trento e di Bolzano
  • Patto per la salute 2014 - 2016. Intesa del 10 luglio 2014 in sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province Autonome di Trento e di Bolzano
  • Decreto 2 aprile 2015, n. 70 - Regolamento recante definizione degli standard qualitativi, strutturali, tecnologici e quantitativi relativi all'assistenza ospedaliera

INDIRIZZI PER L'ATTIVITA' DELL'AGENAS

  • Conferenza unificata n. 199/C.U. del 16 dicembre 1999
  • Conferenza unificata n. 662/C.U. del 19 giugno 2003
  • Conferenza unificata n. 73/C.U. del 20 settembre 2007
  • Consiglio di amministrazione AGENAS n. 11 del 26 giugno 2012
  • Consiglio di amministrazione AGENAS n. 7 del 19 marzo 2015

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Italia Portale Italia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Italia