Acantite

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Acantite
AcanthiteSAXE.jpg
Classificazione Strunz (ed. 10)2.BA.35
Formula chimicaAg2S
Proprietà cristallografiche
Gruppo cristallinotrimetrico
Sistema cristallinomonoclino
Classe di simmetriaprismatica
Parametri di cellaa=4,229, b=6,931, c=7,862
Gruppo puntuale2/m
Gruppo spazialeP 21/n
Proprietà fisiche
Densità7,3 g/cm³
Durezza (Mohs)2
Sfaldaturaimperfetta
Fratturaconcoide, irregolare
Coloregrigio piombo, nero
Lucentezzametallica su frattura fresca, altrimenti fievole
Opacitàopaca
Striscionera, semi-brillante
Diffusioneassai rara
Si invita a seguire lo schema di Modello di voce – Minerale

L'acantite è un minerale, un solfuro di argento.

Il nome deriva dal greco άκανθα = spina, per la forma colonnare e a punta dei cristalli

Descritta per la prima volta da Wilhelm Karl Ritter von Haidinger (1795 - 1871), geologo e mineralogista austriaco, nel 1845.

Abito cristallino[modifica | modifica wikitesto]

I cristalli hanno facce spesso ritorte, irregolari, a volte geminati; anche in laminette e cristalli equidimensionali colonnari.

Origine e giacitura[modifica | modifica wikitesto]

Idrotermale, secondaria. Ha paragenesi con polibasite, proustite, pirargirite e argento.

Forma in cui si presenta in natura[modifica | modifica wikitesto]

L'acantite si presenta in cristalli, dendriti, aggregati granulari e massivi.

Caratteri fisico-chimici[modifica | modifica wikitesto]

È malleabile, flessibile e settile. Forma spesso delle pseudomorfosi di argentite, pseudorombico stabile a temperature inferiori a 179 °C, poi cubico esacisottaedrico a temperature superiori (argentite). Solubile in HCl, ammoniaca e HNO3.

Località di ritrovamento[modifica | modifica wikitesto]

Si trova in cristalli fino a 4 kg a Friburgo, in Germania, a Banská Štiavnica, in Slovacchia; a Kongsberg, in Norvegia, in Cornovaglia, Gran Bretagna; ad Arispa, in Messico.

Utilizzi[modifica | modifica wikitesto]

L'acantite rappresenta una fonte importante per l'estrazione dell'argento.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Mineralogia - Cornelis Klein - Zanichelli (2004)
  • Le rocce e i loro costituenti - Morbidelli - Ed. Bardi (2005)
  • Guida al riconoscimento dei minerali - Borelli e Cipriani - Mondadori (1987)
  • I minerali d'Italia - SAGDOS - 1978
  • Minerali e Rocce - Corsini e Turi - Enciclopedie Pratiche Sansoni (1965)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Mineralogia Portale Mineralogia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mineralogia