Abd al-Masih ibn Ishaq al-Kindi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo filosofo e scienziato arabo musulmano, vedi Abu Yūsuf Yaʿqūb ibn Isḥāq al-Kindī.

ʿAbd al-Masīḥ ibn Isḥāq al-Kindī (in arabo: عبد المسيح ابن اسحاق الكندي‎) è un nome di fantasia attribuito a un cristiano (immaginario o reale) che, in un'Epistola citata da al-Bīrūnī (morto dopo il 1050), perora la causa del Cristianesimo, discettando col suo amico antagonista, un musulmano chiamato ʿAbd Allāh b. Ismāʿīl al-Hāshimī, che per canto suo lo invita ad abbracciare la fede islamica.

Letta alla corte del califfo abbaside al-Maʾmūn, fu tradotta in lingua latina da Pietro di Toledo nel 1141 e rivista dal teologo Pietro di Poitiers - lat. Petrus Pictaviensis - (nato nel 1130 circa - morto a Parigi nel 1205).

L'Epistola - una vera e propria apologia del Cristianesimo, che ha dato modo di discutere a lungo, ma inutilmente, sulla identità vera o presunta di ʿAbd al-Masīḥ ibn Isḥāq al-Kindī, se fosse nestoriano o giacobita, ma in ogni caso un cristiano monofisita - ha svolto un ruolo certamente assai importante nell'àmbito della controversia islamico-cristiana, all'interno della quale è annoverabile anche la Lectio magistralis di papa Benedetto XVI su "Fede, ragione e università", tenuta nel 2006 da papa Benedetto XVI a Ratisbona.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Lemma «ʿAbd al-Masīḥ ibn Isḥāq al-Kindī» (G. Trupeau), in: The Encyclopaedia of Islam, Second edition.
  • (EN) The Apology of Al Kindy written at the court of Al Maműn (Circa A.H. 215; A.D. 830) in defence of Christianity against Islam. Edited and commented by Sir William Muir, Society for the Promotion of Christian Knowledge (SPCK), Londra, 1887.
  • Dialogue islamo-chrétien sous le calife Al-Ma'mun (813-834): les épîtres d'Al-Hashimî et d'Al-Kindî, Nouvelles éditions latines. Tradotte da Georges Tartar, 303 pp. ISBN|978-2-7233-0266-1. LC Call No. BP172.H2914, 1985 Estratti consultabili su Google books.
  • (FR) Armand Abel, "L’Apologie d’al-Kindī et sa place dans la polémique islamo-chrétienne", in: L’Oriente cristiano nelle storia della civiltà, Accademia Nazionale dei Lincei, CCCLXI (1964), Quaderno No. 62, pp. 501-523.
  • (IT) (A cura di Laura Bottini), Al Kindi, Apologia del cristianesimo, Milano, Jaca Book, 1998, ISBN 8816404574.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN191558085 · ISNI (EN0000 0003 9563 1229 · LCCN (ENnb2014022578 · GND (DE135760453 · BNF (FRcb12021906n (data) · CERL cnp01145460 · WorldCat Identities (ENnb2014-022578