Armand Abel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Armand Frédéric Charles Valère Abel (Uccle, 11 giugno 1903Aywaille, 31 maggio 1973) è stato un accademico e islamista belga.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1924 termina i suoi studi di Filologia classica nell'Università libera di Bruxelles. Accompagna quindi uno dei suoi Maestri in Egitto e il contatto con il mondo islamico determina la sua vocazione definitiva: lo studio dell'Islam e del suo pensiero.

È dapprima docente nell'ambito dell'insegnamento secondario nell'ateneo di Schaerbeek dal 1928 al 1953 anche se tiene corsi di lingua araba e d'islamistica per l'Institut des hautes études de Belgique. Avendo perfezionato le sue conoscenze linguistiche e della cultura islamica a Parigi (École normale supérieure, École des langues orientales vivantes e all'École pratique des hautes études), comincia a insegnare anche nell'Université libre de Bruxelles dopo aver sostenuto una tesi da agregé nell'insegnamento superiore.

Crea allora a Bruxelles, come pure all'Università di Gand un programma completo d'insegnamento islamistico e dirige diversi centri di ricerca sull'Islam contemporaneo. È stato anche membro di numerose società culturali di studio e ricerca, tra cui l'illustre Accademia nazionale dei Lincei, e partecipò per più di venti anni a tutti i grandi congressi internazionali d'Islamistica.

Fu anche redattore della The Encyclopaedia of Islam e della consorella Encyclopédie de l'Islam, per le quali redasse diversi lemmi d'interesse islamistico.

La sua opera[modifica | modifica wikitesto]

L'opera di Armand Abel è assai diversificata e approfondita ma è possibile sintetizzare i grandi temi che egli ha affrontato nel corso della sua vita:

  • L'archeologia musulmana
  • La polemica islamo-cristiana
  • La letteratura araba classica
  • La scienza musulmana (alchimia, astronomia, scienze occulte e religiose)
  • L'Islam contemporaneo (sociologia, economia, geografia regionale, politica internazionale del mondo musulmano)

Opere scelte[modifica | modifica wikitesto]

La sua bibliografia completa comprende 109 titoli, fra cui:

  • Ghaibi et les grands faïenciers égyptiens d'époque mamluke. Avec un catalogue de leurs œuvres conservées au Musée d'art arabe du Caire, Le Caire, 1930.
  • Les enseignements des 1001 nuits, Bruxelles, 1939.
  • Le Coran, Bruxelles, 1951.
  • Le roman d'Alexandre, légendaire médiéval, Bruxelles, 1955.
  • Les musulmans noirs du Maniéma, Bruxelles, 1960.
  • L'apologie d'Al Kindi et sa place dans la polémique islamo-chrétienne, Roma, Accademia dei Lincei, 1964.
  • Le Monde arabe et musulman, Bruxelles, 1968.
  • "Gouvernés et gouvernants en terre d'Islam", in: Recueils de la Société Jean-Botin, 22, 1969, p. 355-389.
  • Formation et constitution du roman d'Antar, Roma, Accademia dei Lincei, 1970.
  • De l'alchimie arabe à l'alchimie occidentale, Roma, Accademia dei Lincei, 1971.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Annette d'Estrée, «Abel, Armand», in: Nouvelle Biographie nationale, Tomo 1, Académie royale de Belgique, Bruxelles, 1988, pp. 13-14 (ISSN 0776-3948)
Controllo di autoritàVIAF (EN2601040 · ISNI (EN0000 0001 1020 0880 · LCCN (ENn80153965 · GND (DE115427406 · BNF (FRcb128928173 (data) · BAV ADV10047093
Islam Portale Islam: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Islam