Abaco (architettura)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'abaco (dal latino abacus, a sua volta dal greco ἀβαξ – abax –, tavoletta) è una parte del capitello degli ordini architettonici classici che ne costituisce la terminazione superiore, completando la funzione di mediazione del capitello stesso tra l'architrave sostenuto, parallelepipedo, e il sostegno del fusto della colonna, cilindrico.[1]

Per analogia, può chiamarsi con lo stesso nome la terminazione superiore di mensole e balaustre.

L'abaco nei capitelli greci e romani[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso dei secoli, l'abaco ha assunto stili e proporzioni differenti.[1]

Capitello in stile dorico

Nei capitelli dorici l'abaco è un semplice parallelepipedo di pianta quadrata a facce piane; nei tipi da esso derivati, come il capitello tuscanico, i lati possono essere arricchiti da modanature di coronamento.

Nei capitelli dorici con echino decorato, presenti in epoca romana[senza fonte], anche i lati dell'abaco possono ricevere una decorazione.

Capitello in stile ionico

Nei capitelli ionici, l'abaco che tende ad essere più sottile, conserva una pianta quadrata, mentre i lati sono modanati a ovolo liscio e a volte intagliati con decorazioni.

Nei capitelli corinzi l'abaco si presenta in pianta come un quadrilatero con i lati concavi, occupati al centro dal "fiore dell'abaco". I lati sono generalmente modanati con un piccolo ovolo sopra un cavetto (modanatura concava a quarto di cerchio), distinti da un sottile listello. Una o entrambe le modanature possono essere decorate. Secondo il racconto che spiega l'invenzione di questa tipologia di capitello, l'abaco deriverebbe dalla tavoletta posta a coperchio del cesto intorno a cui era cresciuta una pianta di acanto.

I capitelli compositi sono costituiti da un capitello ionico a quattro facce che si sovrappone ad un kalathos corinzio: l'abaco sovrapposto alla parte ionica è ripreso da quello dei capitelli corinzi.

L'abaco nei capitelli posteriori all'antichità classica[modifica | modifica wikitesto]

Al termine del periodo romano, il mutamento della funzione portante del capitello, in seguito all'introduzione dei colonnati ad arcate invece che con architravi, provoca l'irrobustimento dell'abaco[1] e quindi lo sviluppo di un nuovo elemento: il pulvino, o imposta, ossia un elemento troncopiramidale che si sovrappone e a volte si fonde con l'abaco vero e proprio, in particolare nei capitelli ionici, e strutturalmente costituisce le reni delle due arcate poggianti sulla colonna.[senza fonte] Questi sviluppo influenzerà nel Medioevo la successiva architettura romanica.[1]

Nel Rinascimento l'abaco recupera uno stile e proporzioni tipiche del periodo classico. [1]

Nelle architetture moderne, l'abaco è quasi del tutto scomparso.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Grande Enciclopedia De Agostini, vol. 1, p.4

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Grande Enciclopedia De Agostini, vol. 1, Novara, 1992.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

architettura Portale Architettura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di architettura