Echino (architettura)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Capitello dorico del tempio di Hera a Olimpia, costituito da abaco ed echino

L'echino (in greco antico: ἐχίνος, echìnos) è una parte del capitello dorico, tuscanico o ionico, che costituisce una sorta di "cuscino" sotto l'abaco nell'architettura greca e romana:

  • nel capitello dorico l'echino ha profilo convesso verso l'esterno. Il profilo tende a diventare nel tempo sempre meno schiacciato.
  • nel capitello tuscanico il profilo dell'echino tende ad assumere forme più elaborate, con parti concave e convesse (a gola).
  • nel capitello ionico all'echino, normalmente decorato da un "kyma ionico" (modanatura decorata con "ovuli"), si sovrappone il "canale delle volute", e le volute stesse ne coprono i lati.
  • nel capitello composito è presente nella parte ionica, esattamente come nel capitello ionico.

Nei trattatisti e architetti rinascimentali il termine indica piuttosto il profilo a quarto di cerchio convesso, proprio dell'echino dei capitelli, mentre la parte del capitello in sé viene detta "tazza".

Note[modifica | modifica wikitesto]


Architettura Portale Architettura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di architettura