Vino da messa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il vino da messa viene usato per la Consacrazione.

A riguardo il diritto canonico afferma soltanto (Canone 924, paragrafo 3):

Il vino deve essere naturale, del frutto della vite e non alterato.

L'Istruzione "Redemptionis Sacramentum" specifica (capitolo III, paragrafo 50):

Il vino utilizzato nella celebrazione del santo sacrificio eucaristico deve essere naturale, del frutto della vite, genuino, non alterato, né commisto a sostanze estranee. Nella stessa celebrazione della Messa va mescolata ad esso una modica quantità di acqua. Con la massima cura si badi che il vino destinato all’Eucaristia sia conservato in perfetto stato e non diventi aceto. È assolutamente vietato usare del vino, sulla cui genuinità e provenienza ci sia dubbio: la Chiesa esige, infatti, certezza rispetto alle condizioni necessarie per la validità dei sacramenti. Non si ammetta, poi, nessun pretesto a favore di altre bevande di qualsiasi genere, che non costituiscono materia valida.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Canone 924

Redemptionis Sacramentum

Cristianesimo Portale Cristianesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cristianesimo