Tusoteuthis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Tusoteuthis
Stato di conservazione: Fossile
Tusoteuthis BW.jpg
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Bilateria
Phylum Mollusca
Classe Cephalopoda
Ordine Vampyromorphida
Genere Tusoteuthis
Specie T. longa

La tusoteutide (Tusoteuthis longa) è un grande mollusco cefalopode estinto, vissuto nel Cretaceo superiore (circa 80 milioni di anni fa). I suoi resti fossili sono stati ritrovati in Nordamerica.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Le dimensioni di questo animale erano simili a quelle dell’attuale calamaro gigante (Architeuthis dux): studi effettuati sui resti del gladio indicano una lunghezza complessiva compresa tra i 6 e gli 11 metri (negli esemplari più grandi). I resti fossili sono molto incompleti, ma l’aspetto esteriore della tusoteutide doveva essere molto simile a quello di un calamaro dal corpo relativamente tozzo e robusto.

Habitat[modifica | modifica wikitesto]

I resti della tusoteutide sono stati ritrovati nella formazione di Niobrara negli Stati Uniti centrali. All’epoca questa zona era ricoperta da un largo braccio di mare, popolato da temibili predatori tra cui vari rettili marini (come Tylosaurus, Platecarpus ed Elasmosaurus) e pesci giganteschi (ad esempio Xiphactinus e Cimolichthys). Proprio un fossile del salmonide predatore Cimolichthys nepaholica è stato rinvenuto con un gladio di Tusoteuthis nella posizione della gola. La porzione posteriore del gladio si trovava in realtà nello stomaco del pesce, mentre la bocca del fossile di Cimolichthys era aperta, a suggerire che il pesce era morto mentre inghiottiva il gigantesco calamaro dalla parte della coda. I ricercatori sospettano fortemente che nel momento di inghiottire il cefalopode, la testa e i tentacoli di quest’ultimo rimasero al di fuori della bocca del pesce, bloccandogli quindi le aperture branchiali e soffocandolo.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Michael Everhart. (2007) Sea Monsters: Prehistoric Creatures of the Deep. National Geographic.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

molluschi Portale Molluschi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di molluschi