The Island

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Island
The Island.jpg
I cloni durante il lavaggio del cervello
Titolo originale The Island
Paese di produzione USA
Anno 2005
Durata 136 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 2.40 : 1
Genere fantascienza, azione
Regia Michael Bay
Soggetto Caspian Tredwell-Owen
Sceneggiatura Caspian Tredwell-Owen, Alex Kurtzman, Roberto Orci
Casa di produzione DreamWorks
Distribuzione (Italia) Warner Bros
Fotografia Mauro Fiore
Montaggio Paul Rubell, Christian Wagner
Effetti speciali Industrial Light & Magic
Musiche Steve Jablonsky
Scenografia Nigel Phelps
Costumi Deborah Lynn Scott
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

The Island è un film del 2005 diretto da Michael Bay, uscito nelle sale americane il 22 luglio 2005 e nelle sale italiane il 26 agosto 2005. Il tema principale di questo film è la condanna della clonazione umana a scopo di trapianto.

Il film, prodotto dalla Warner Bros, è stato scritto da Caspian Tredwell-Owen, Alex Kurtzman e Roberto Orci ed ha come protagonisti Ewan McGregor e Scarlett Johansson.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Il film narra la vita quotidiana di una futuribile società, a metà tra utopia e distopia, i cui membri, senza saperlo, sono "agnati"[1], frutto di una clonazione umana da originali esseri umani.
Agli abitanti di questo "mondo" viene fatto credere di essere gli unici sopravvissuti ad una contaminazione globale e che la loro residenza sia l'ultimo luogo rimanente nella natura privo di agenti patogeni, isolato dall'esterno. Non sanno però di essere cloni, né che i palazzi in cui abitano sono sottoterra: un apposito sistema olografico, infatti, proietta intorno al grande complesso residenziale l'immagine a 360° di un paesaggio.

Infatti, ciò che gli agnati ignorano e di cui vengono assolutamente e rigorosamente tenuti all'oscuro, è che gli edifici che li ospitano sono parte non di un complesso abitativo, ma di un grande stabilimento sotterraneo, il cui proprietario stipula una speciale assicurazione con persone di grande disponibilità di denaro, alle quali assicura nuovi organi, e quindi anche un prolungamento della vita, quando si ammaleranno. È a questo che servono i cloni, in quanto, avendo lo stesso DNA dell'"originale", possono fornirgli organi totalmente compatibili: quando si ammalerà, il clone verrà ucciso per prelevare l'organo richiesto. Questi "pezzi di ricambio" non sono considerati persone, e ai clienti viene detto che gli agnati sono masse prive di coscienza, coltivate in laboratorio.

Quando serve il corpo di un clone, per mantenerlo tranquillo e per non destare sospetti sulla sua uscita di scena, gli viene fatto credere di avere vinto il premio di una lotteria, che consiste nell'invio ad un'Isola, rimasta incontaminata in superficie.

Il protagonista, Lincoln 6 Echo (Ewan McGregor), aspetta da tre anni di vincere la lotteria e, nel frattempo, sogna di andare sull'Isola a bordo di un motoscafo ma il sogno finisce sempre male con lui che viene fatto affogare da tre uomini.
Lincoln è preoccupato e cerca la risposta a certi interrogativi che affiorano alla sua mente, sul suo ambiente e sulla realtà della propria esistenza. La sua natura inquisitiva e la ricerca insoddisfacente delle risposte ha allarmato il capo della comunità, il dottor Merrick (Sean Bean). Lincoln 6 Echo trova un insetto che si è intrufolato attraverso i condotti dell'aria. Cercando di scoprire da dove sia arrivato un insetto che secondo quanto gli viene detto, dovrebbe essere estinto, accede a una sezione riservata dell'edificio in cui vive, e viene a scoprire la verità. In realtà le persone che vincono la lotteria non vanno sull'Isola, ma subiscono un'operazione chirurgica in cui vengono loro prelevati gli organi richiesti, e vengono poi uccisi durante l'intervento stesso. Scopre che il mondo in cui vivono è una finzione e gli abitanti di questo luogo asettico non sono altro che cloni, pezzi di ricambio dei loro originali del mondo reale. Lincoln 6 Echo, dopo aver scoperto la verità, cerca di salvare la sua amica Jordan 2 Delta (Scarlett Johansson), che ha appena vinto alla lotteria, perché la controparte originale della Jordan è una modella famosa, che sta morendo e hanno deciso in extremis per un trapianto multiplo. Lincoln convince Jordan a scappare ma arrivati in superficie vengono braccati come animali. Le persone del mondo in superficie pensano che i loro cloni siano privi di emozioni e vivano in uno stato di incoscienza. Tuttavia, gli organi di un organismo incosciente non sono adatti ai trapianti, e il direttore della fabbrica degli orrori è costretto a costruire una vita fittizia per i propri "prodotti", i cloni che considera disumani e senza anima. Dopo molte peripezie Lincoln viene aiutato da un operaio esterno della fabbrica, che conosce la verità, a rintracciare il suo originale, un certo Tom Lincoln, architetto e malato di cirrosi. L'originale Tom Lincoln si rivela un abietto edonista dedito solo alla venerazione della propria persona, finge di aiutare il clone ma lo tradisce, finché in un drammatico confronto, il clone riesce a farsi passare per l'originale che viene ucciso. Dopo molti iperbolici inseguimenti, sparatorie, caduta da un grattacielo in una rete da circo, i due cloni, Lincoln e Jordan, tornano nella fabbrica degli orrori per liberare tutti gli altri cloni. Poi, per la prima volta, sboccia fra loro un sentimento che conferma la loro umanità: l'amore.

La clonazione[modifica | modifica sorgente]

Nel film, gli esseri clonati non nascono da un embrione che poi si svilupperà regolarmente, ma vengono ricreati esattamente con la stessa età del beneficiario, quindi già adulti. Infatti, la clonazione avviene "coltivando" il corpo, i cui tessuti sono ricostruiti sulla base di una scannerizzazione completa dell'originale. Tale sistema permette al clone di avere anche le stesse impronte digitali e la stessa iride dell'originale, cosa che invece non accade con i gemelli omozigoti che pure sono a tutti gli effetti dei cloni l'uno per l'altro. Per far credere loro di non essere frutto di questo procedimento, gli agnati vengono sottoposti a un lavaggio del cervello che innesta nella loro mente dei "falsi ricordi" preregistrati, in modo da dotarli di un "passato" in realtà inesistente.

Riferimenti ad altre opere[modifica | modifica sorgente]

Il film, pur avendo una trama differente, presenta alcune analogie con La fuga di Logan (Michael Anderson) e L'uomo che fuggì dal futuro THX 1138, con Robert Duvall, per la regia di George Lucas (1971). In entrambe le opere i due protagonisti vivono in un mondo artificiale; nelle ultime scene di The Island si vedono i cloni uscire all'aperto, esattamente come gli abitanti della metropoli che si sta distruggendo in La fuga di Logan. È inoltre forte il richiamo tra i nomi utilizzati per i due protagonisti de La fuga di Logan (Logan 5 e Jessica 6), con quelli della pellicola di Michael Bay. L'ambientazione della residenza sotterranea sembra essere costruita sulle basi di una serie di romanzi futuristici e fantascientifici del dopoguerra, come 1984 di George Orwell, Il mondo nuovo di Aldous Huxley e Fahrenheit 451 di Ray Bradbury, ad esempio per il controllo totale che gli agnati subiscono, simile all'occhio del Grande Fratello di Orwell, l'ipnopedia con cui vengono deviate le menti delle creature in fase di "costruzione" (vedi Il mondo nuovo) e la gestione delle informazioni e il controllo della società descritti in Fahrenheit 451. Come molti film contemporanei (da The Truman Show a Inception), The Island presenta chiare analogie con un libro di Philip K. Dick, in questo caso La penultima verità: il romanzo parla di un futuro prossimo in cui l'umanità è costretta a vivere sottoterra e a produrre macchinari per perpetuare una guerra mondiale sulla superficie contaminata; in realtà i macchinari sono i servitori di una minoranza ricca, che vive sulla superficie (un'oasi verdeggiante sottopopolata) alle spalle del popolo e decisa a perpetuare l'inganno a qualunque costo. Il riferimento più evidente è però quello al libro di Michael Marshall-Smith Spares (tradotto in italiano come Ricambi), del 1996 da cui è chiaramente tratto il motivo dell'organizzazione (la Fattoria) che fa crescere dei cloni umani per rimpiazzare parti del corpo di clienti facoltosi.[2]

La pubblicità che Jordan vede per strada, e in cui riconosce il proprio sponsor Sarah Jordan, è lo spot reale del profumo Eternity Moment di Calvin Klein, che la stessa attrice Scarlett Johansson ha interpretato.

Lo Yacht dal disegno futuristico è un Wally 118 costruito nel 2002 dai cantieri italiani Rodriquez. Lo scafo di 36 metri è tutto in composito, l'apparato motore sviluppa una potenza totale di 16.800 hp.

Colonna sonora[modifica | modifica sorgente]

La colonna del film, composta da Steve Jablonsky, contiene in particolare la traccia "My name is Lincoln" che fu riutilizzata due anni dopo dal film storico Elizabeth: The Golden Age , in parte anche dal film Transformers diretto dallo stesso Michael Bay, nel trailer di Avatar di James Cameron e in quello di Sette anime con Will Smith.

Tracce:

  1. The Island Awaits You (2:21)
  2. Where Do Those Tubes Go (2:04)
  3. Sector 6 (2:46)
  4. Starkweather (4:10)
  5. Agnate Ukuleles(2:37)
  6. You Have A Special Purpose In Life (4:33)
  7. Mass Vehicular Carnage (2:22)
  8. Renovatio (4:09)
  9. I'm Not Ready To Die (2:31)
  10. . This Tongue Thing's Amazing (4:27)
  11. Mass Winnings (5:06)
  12. The Craziest Mess I've Ever Seen (5:05)
  13. Send In The Clones (4:28)
  14. My Name Is Lincoln (3:39)
  15. Blow (5:16)

Il doppiaggio italiano[modifica | modifica sorgente]

L'edizione italiana del film è stata diretta da Tonino Accolla per CVD.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Agnazione o discendenza
  2. ^ M. Marshall-Smith, Spares, Harper Collins, 1996. Ed. italiana, Ricambi, Garzanti, 1997. Cfr. http://www.michaelmarshallsmith.com/booksfold/marshsfold/marshs.html

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]