Sub-Zero

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il film del 2005, vedi Sub Zero - Paura sulle montagne.
Sub-Zero
Sub-Zero in Mortal Kombat IX
Sub-Zero in Mortal Kombat IX
Universo Mortal Kombat
Lingua orig. Inglese
Alter ego
  • Kuai Liang (Sub-Zero minore)
  • Tundra (nome in codice di Kuai Liang prima di diventare Sub-Zero)
  • Bi-Han (Noob Saibot)
Autori
Studio Midway
1ª app. 1992
Interpretato da
Voci orig.
Voci italiane
Specie Criomante
Sesso Maschio
Etnia Criomante
Luogo di nascita Earthrealm (Terra), Cina
Data di nascita Sconosciuta
Abilità
Parenti Lisa Liang (sorella) Noob Saibot (fratello maggiore)

Sub-Zero è un personaggio immaginario appartenente all'universo della fortunata serie di videogiochi, film e episodi animati di Mortal Kombat. È uno dei personaggi più iconici e storici, apparso sin dal primo Mortal Kombat essendo l'unico poi confermato in qualsiasi altro gioco della serie. In realtà quando si parla di Sub-Zero, si identificano due personaggi che hanno rivestito i panni del ninja, essendo impersonato già da Mortal Kombat II dal fratello più giovane di quello della prima edizione, ucciso dal rivale Scorpion durante gli eventi del primo torneo. In Ultimate Mortal Kombat 3 e molte versioni di Mortal Kombat Trilogy, appaiono come giocabili infatti entrambi i lottatori, sia il più grande che il più giovane, anche se a livello di concezione e gameplay il personaggio risulta pressoché invariato, sebbene nella storia e come carattere siano diametralmente opposti. Sub-Zero appare in qualsiasi altra opera cinematografica o televisiva relativa a Mortal Kombat, come il film Mortal Kombat o le serie animate.

La storia dei vari Sub-Zero è stata man mano approfondita nel susseguirsi dei vari videogame. Il personaggio è stato ultimamente descritto come uno dei discendenti dei Criomanti, una antica razza di persone capaci di controllare il potere elementale del ghiaccio in varie forme.

Concezione ed evoluzione[modifica | modifica sorgente]

Il nome originale di Sub-Zero era in realtà Tundra durante lo sviluppo dell'originale Mortal Kombat,[1] ma fu cambiato in corsa con l'attuale. La ragione del cambiamento sarebbe stata dovuta al fatto che uno dei disegnatori del personaggio avesse visto durante la progettazione il film L'Implacabile dove il protagonista Arnold Schwarzenegger lotta con un personaggio soprannominato appunto Sub-Zero. Fatto ancora più curioso, Sub-Zero originariamente altro non era, coi dovuti adattamenti, che un scambio di tavolozza con gli sprite di Scorpion, impersonato quindi da un unico attore.[2]. Questa operazione portò anche alla creazione dei successivi personaggi ninja nei videogiochi successivi.

Uno dei due principali ispiratori di Mortal Kombat, John Tobias, disse nel 1995 in un'intervista alla EGM che Sub-Zero fu smascherato in Mortal Kombat 3 in modo da accontentare le speculazioni dei fan sui retroscena del personaggio[1] Un articolo dell'aprile del 1995 dalla rivista VideoGames, scritto mentre il videogioco era ancora in produzione, riportava anche una prima foto dell'attore John Turk in costume, sebbene Turk era stato fotografato di proposito da dietro e in penombra in modo da celare l'identità del personaggio. Il nuovo Sub-Zero fece il suo opportuno debutto sulla copertina di GamePro lo stesso mese con la tenuta rossa di Turk ricolorata di blu (com'era nel gioco), ma la foto usata fu propriamente specchiata, con la cicatrice finita sull'occhio sinistro.[3] Secondo Ed Boon, il congelamento di Sub-Zero's era stato originariamente tolto dal gioco e sostituito da una pioggia ghiacciata, ma tale scelta fu abbandonata in seguito alle opinioni di alcuni fan che provarono una version arcade del posto.[1]

Sin da Mortal Kombat 3, Sub-Zero ha mostrato una vistosa cicatrice rossa che percorreva il volto del personaggio all'altezza dell'occhio destro come marchio di morte. La cicatrice divenne in seguito blu in Mortal Kombat: Deadly Alliance a causa degli aumentati poteri di Sub-Zero ed è sparita da Mortal Kombat: Deception, senza un motivo certo ma probabilmente, come si lascia intuire nella storyline. In Mortal Kombat: Armageddon, Sub-Zero ha nuovamente la cicatrice che non appare tuttavia nel costume alternativo.

Sin da Deadly Alliance, Sub-Zero è l'unico personaggio che ha mostrato sensibili segni di invecchiamento. Concept art da Deadly Alliance lo dipingono brizzolato con stempiamento ed un volto più pallido e rugoso, oltre alla consueta cicatrice e i pugni ghiacciati. Sebbene originariamente avesse gli occhi blu, dopo aver ottenuto il Medaglione del Dragone diventano bianchi. L'aspetto di Sub-Zero in Shaolin Monks fu uno dei più ricorretti e rivisti del gioco. Il visore dei personaggi Mark Lappin fece almeno 10 passaggi sul suo design, tanto che il produttore Shaun Himmerick fece notare che "passammo letteralmente 5-6 teste e stili di cranio solo per il suo costume". Himmerick commentò che il design di Sub-Zero fu molto difficile da realizzare nonostante i più poi lo trovassero semplice all'occhio. In ogni caso alla fine lo staff fu soddisfatto del risultato finale, in particolare perché era piuttosto fedele al look storico.[4]

A parte l'immagine del finale di Mortal Kombat II, il personaggio fu originariamente interpretato e doppiato da attori non asiatici.[5] La Midway in seguito spiegò l'aspetto maggiormente caucasico piuttosto che asiatico per un assassino cinese giustificandolo con una madre bianca. Stando a tale ricostruzione, suo padre aveva avuto una moglie, due figli ed una figlia mentre si trovava in America per nascondere il suo ruolo di assassino del Lin Kuei.[6]

Nei videogiochi[modifica | modifica sorgente]

Storia del personaggio[modifica | modifica sorgente]

Il combattente originario che prese il nome di Sub-Zero, il più anziano dei fratelli, aveva come nome reale Bi-Han (避寒 in cinese),[7] e fu introdotto nel primo Mortal Kombat dove partecipava nel torneo seguendo gli ordini del suo clan, il Lin Kuei, per uccidere lo stregone organizzatore Shang Tsung ed impossessarsi delle sue fortune. Bi-Han fallisce la missione e trova anche la morte, ucciso dallo spettro Scorpion, risorto esclusivamente per vendicarsi della propria morte proprio ad opera del criomante in passato. Bi-Han sarebbe tornato in futuro sotto altre spoglie.

Nel gioco seguente, Mortal Kombat II, Bi-Han viene rimpiazzato dal fratello più giovane Kuai Liang (快涼 in cinese), il ninja "Tundra". A seguito della morte del fratello nel primo torneo e alla mancata uccisione di Shang Tsung, sopravvissuto al primo torneo, Kuai Liang[7] viene inviato dal Lin Kuei per completare la missione fallita dal fratello acquisendo l'identità di "Sub-Zero". In Mortal Kombat 3, l'attuale Sub-Zero è in fuga invece dal suo clan perché si rifiuta di farsi trasformare in cyborg come altri compagni. Proprio per punizione, tre dei cyborg creati dal Lin Kuei vengono programmati per dare la caccia ed eliminare Sub-Zero, che proprio in quel momento era stato contattato da Raiden per una delle sue visioni e aveva accettato di unirsi alla ribellione contro la minaccia dell'Outworld.

In Ultimate Mortal Kombat 3 e Mortal Kombat Trilogy, "Classic Sub-Zero" (Bi-Han) appare assieme al Sub-Zero giovane tra i personaggi giocabili. Entrambi i giochi erano collezioni celebrative dei titoli precedenti con praticamente ogni personaggio apparso, anche se la sua presenza era giustificata da una biografia personale che stabiliva che, sebbene fosse creduto morto dopo il primo torneo, in realtà era sopravvissuto e tornato per completare la sua antica missione. In Mortal Kombat Mythologies: Sub-Zero, che sarebbe un prequel del primo Mortal Kombat, lo stregone Quan Chi incarica il Lin Kuei di trovare un antico amuleto. Dopo che il primo Sub-Zero consegna l'amuleto a Quan Chi, è spedito indientro nel Netherrealm da Raiden dopo aver saputo che il talismano è la chiave per liberare il dio Shinnok. Sub-Zero riottiene l'amuleto mentre combatte con Shinnok e lo riporta a Raiden.

In Mortal Kombat 4, Raiden ancora una volta incarica il giovane Sub-Zero di aiutare il suo gruppo nella difesa dell'Earthrealm contro l'antico dio Shinnok. Nel frattempo, Sub-Zero si batte con Scorpion, al quale era stato detto da Quan Chi che i avevano ucciso la sua famiglia, ma viene graziato dallo spettro rivale dopo aver scoperto che in realtà l'artefice dell'assassinio era Quan Chi stesso. In Mortal Kombat: Deadly Alliance, Sub-Zero sconfigge Sektor in uno scontro per la leadership del Lin Kuei Clan. Incontra inoltre Frost, sua allieva, portandola a combattere tra i guerrieri dell'Earthrealm contro il gruppo di Shang Tsung e Quan Chi.

In Mortal Kombat: Deception, Sub-Zero si unisce al gruppo di Shujinko per fermare la nuova minaccia rappresentata da Onaga. Si scontra inoltre col suo vecchio fratello corrotto, divenuto lo spettro Noob Saibot.[8] Sia in Deadly Alliance che in Mortal Kombat: Unchained, Sub-Zero arriva a battersi con Frost per la leadership del clan, uscendone però sempre vincitore. In Mortal Kombat: Armageddon, precisamente nel Konquest mode, Sub-Zero fronteggia Taven, che aveva invaso il Palazzo Lin Quei. Lo scontro termina con la decisione di entrambi di unirsi ed arrestare l'invasione di Noob Saibot e Smoke. Dopo la sconfitta dei nemici, Sub-Zero rimane con Noob Saibot rimasto esanime per cercare di salvarlo.

In Mortal Kombat: Shaolin Monks, che riprende gli eventi da Mortal Kombat II, Sub-Zero appare all'inizio come boss da sconfiggere, ma in seguita si allea coi protagonisti Liu Kang e Kung Lao per un breve tempo nella ricerca del suo fratello maggiore. Mortal Kombat: Fire & Ice, che avrebbe visto addirittura Sub-Zero e Scorpion cooperare, fu cancellato quando la Paradox Development (Midway Studios – Los Angeles), fallì.[9]

Sub-Zero è giocabile anche nel crossover Mortal Kombat vs. DC Universe; nella storyline, Sub-Zero è coinvolto in una guerra tra gli universi fittizi ed è protagonista di uno dei capitoli. Ed Boon ha fatto notare che la controparte DC di Sub-Zero è Batman, visto che sono entrambi "personaggi oscuri, misteriosi e meditabondi."[10]

Entrambe le incarnazioni di Sub-Zero sono apparse nel 2011 nel nuovo Mortal Kombat.[7] Nella modalità storia, mentre Bi-Han viene ucciso da Scorpion e diviene Noob Saibot, il fato di Kuai Liang cambia nel primo torneo a causa dell'intromissione di Raiden; la progressione temporale viene alterata e Sub-Zero viene catturato e trasformato in cyborg al posto di Smoke. È capace tuttavia di conservare le proprie facoltà mentali e si unisce al gruppo di Raiden per fermare Shao Kahn. In ogni caso, viene ucciso dalla moglie di Kahn, Sindel, rimanendo schiavo di Quan Chi nel Netherrealm.

Giocabilità[modifica | modifica sorgente]

Quando apparì nel primo Mortal Kombat, Sub-Zero aveva a disposizione soltanto due mosse speciali: la sua sfera ghiacciata e la scivolata a distanza. Queste due tecniche sono divenute un autentico marchio di fabbrica da allora, venendo riproposte in qualsiasi edizione del videogioco. Mortal Kombat II vide l'aggiunta del congelamento del pavimento e due nuove fatality, tra le quali quella ormai celebre dove congela il nemico e lo riduce in pezzi. In Mortal Kombat 3, Sub-Zero vide ulteriori nuove tecniche implementate.

La prima fatality di Sub-Zero, conosciuta come "Spine Rip" ("estrazione della spina dorsale"), è considerata da Boon la sua preferita del primo gioco, così come la "più controversa". Al tempo venne ritenuta troppo brutale e fu aspramente criticata, tanto che in alcune versioni fu rimpiazzata che un'altra fatality a causa dell'estrema violenza. A differenza di altre mosse ripetute di altri personaggi, questa fatality non fu riproposta in seguito in MK2 e 3 (spiegabile col fatto che il personaggio aveva cambiato completamente persona e carattere[11]), sebbene il giovane Sub-Zero la esegua MK4, MKG, MK:SM, MK:A e MK 2011 (in quest'ultimo solo scaricando un DLC). Gli sviluppatori furono costretti a togliere la "Spine Rip" anche da Mortal Kombat vs. DC Universe dato che il gioco era indirizzato ad un pubblico più giovane.[12]

La versione Nintendo 64 di Mortal Kombat Trilogy prevedeva un solo Sub-Zero, mascherato, che eseguiva entrambe le tecniche dei due fratelli, questo a causa della poca capacità di memoria delle cartucce della console. In Mortal Kombat vs. DC Universe, Sub-Zero può anche teletrasportarsi congelandosi e riuscendo dal terreno.[10]

Film, fumetti e serie animate[modifica | modifica sorgente]

Nella serie Blood & Thunder, compare il Sub-Zero in cerca della morte di Shang Tsung, come ritratto nel primo videogioco. Accompagnato dal membro del Lin Kuei, Hydro (personaggio originale creato appositamente per il fumetto), si confronta con Scorpion e riesce a superare le sue paure quando capisce che ciò che alimenta il potere dello spettro è proprio la paura degli avversari. Come gli altri personaggi ottiene il potere dello Tao Te Zhan. Nella serie Battlewave, Sub-Zero si allea con Kitana, Kung Lao e Baraka per spodestare Shao Kahn. Durante il finale di Tournament Edition, Sub-Zero è raffigurato come vincitore del torneo di Shao Khan, sconfiggendo Goro e ottenendo il Medaglione del Drago, nonostante poi sia ucciso da Scorpion. La versione di Mortal Kombat 3 di Sub-Zero ha fatto un breve cameo nelle miniserie della Malibu Comics Battlewave del 1995, nella quale congela un gruppo di membri del Lin Kuei proclamando che il clan era stato corrotto e non era più degno dei suoi servigi. Questa sottotrama non fu mai inserita nei fumetti successivi di Mortal Kombat.

Nello storico film Mortal Kombat, il primo Sub-Zero fu impersonato dall'attore François Petit e svolge il ruolo di guardiano e sicario di Shang Tsung accanto a Scorpion nel torneo. Sebbene Shang Tsung faccia un breve cenno alla loro rivalità all'inizio del film, il loro rapporto non viene approfondito e sembrano entrambi schiavi della volontà dello stregone. Viene ucciso da Liu Kang con una secchiata d'acqua lanciata mentre cercava di congelare tutto l'ambiente circostante[13]. Sub Zero e suo fratello sono citati in Mortal Kombat: Rebirth.

Nel film d'animazione Mortal Kombat: The Journey Begins, il Sub-Zero originale viene nuovamente riproposto come servitore di Shang Tsung assieme a Scorpion, la cui rivalità viene spiegata sommariamante con alcuni flashback di Raiden e presentata in maniera sensibilmente differente dalla storia dei videogiochi[14].


Scheda riassuntiva[modifica | modifica sorgente]

  • Schieramento: Bene[15]
  • Armi: Ice Scepter, Kori Blade

Mosse[modifica | modifica sorgente]

Ogni personaggio ha un mossa speciale da eseguire.

  • Freeze: Sub-Zero congela l'avversario.
  • Slide: Subzero da un calcio basso all'avversario facendolo scivolare.
  • Ice Clone: Sub-Zero crea una figura che congela immediatamente l'avversario, nel caso quest'ultimo dovesse scontrarsi con essa,

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c Goldman, Michael and Aaron, Richard E., Ed Boon & John Tobias Interview in Official MK3 Kollector's Book, Electronic Gaming Monthly, 1995, ISBN.
  2. ^ Top 10 Old School Mortal Kombat Characters: Page 3, Gamerevolution.com. URL consultato il 14 ottobre 2011.
  3. ^ Mortal Kombat 3 Cover - GamePro, April 1995 [collegamento interrotto]
  4. ^ Himmerick, Shaun, Developer Diary#3: Characters, Mortal Kombat Online. URL consultato il 26 dicembre 2008.
  5. ^ MK Characters Unmasked - Sub-Zero at The Kombat Pavilion
  6. ^ Sub-Zero and the Lin Kuei, Midway. URL consultato il 24 novembre 2009 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 1998).
  7. ^ a b c Netherrealm Studios Releases Sub-Zero Vignette!, 11 novembre 2010. URL consultato il 24 gennaio 2011.
  8. ^ Sareena bio, Midway Games. URL consultato il 16 novembre 2009 (archiviato dall'url originale il 17 ottobre 2007).
  9. ^ Ed Boon Reveals The Canceled Mortal Kombat: Fire & Ice - News - www.GameInformer.com
  10. ^ a b Mortal Kombat Vs. DC Universe: Ed Boon interview, Crave Online, 8 ottobre 2008. URL consultato il 13 dicembre 2009.
  11. ^ The Evolution of Mortal Kombat Fatalities at IGN
  12. ^ Shuman, Sid, Ed Boon talks Mortal Kombat secrets, MK vs. DC, and the future of M-rated fighters, GamePro, 17 novembre 2008. URL consultato il 18 dicembre 2009 (archiviato dall'url originale il 23 dicembre 2008).
  13. ^ Goldman, Michael and Aaron, Richard E., Mortal Kombat: The Movie, Prima Games, 1995, ISBN 0761500820.
  14. ^  . New Line, , 1995. URL consultato in data 2009-11-17.
  15. ^ Scheda personaggio di Mortal Kombat: Deadly Alliance

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi