Sinefrina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Sinefrina
Synephrine.svg
Nome IUPAC
4-[1-idrossi-2-(metilamino)etil]fenolo
Nomi alternativi
p-Sinefrina, Oxedrina, Simpatolo,
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C9H13NO2
Massa molecolare (u) 167,205
Numero CAS [94-07-5]
PubChem 7172
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
irritante

attenzione

Frasi H 315 - 319 - 335
Consigli P 261 - 305+351+338 [1]

La sinefrina è una molecola utilizzata per la perdita di peso, sebbene la sua reale efficacia sia del tutto dubbia.

È una sostanza contenuta nell'arancia amara (citrus aurantium), ed ha attività simpaticomimetica. Sembra che la sinefrina interagisca con i recettori B3 adrenergici, localizzati nel tessuto adiposo bruno. L'attivazione dei recettori porta al consumo dell'adipe, che viene convertito in calore, da cui l'attività termogenica della sinefrina. È però da evidenziare che solo nei neonati l'adipe bruna costituisce una porzione rilevante del tessuto adiposo corporeo, mentre nell'adulto le quote sono del tutto trascurabili, e comunque non sufficienti a determinare un rilevante calo ponderale.

In Italia è autorizzata dal Ministero della Salute la produzione di integratori a base di citrus aurantium purché con avvertenze relative alla quantità di sinefrina che non può superare i 30 mg totali se al 10%. Comunque lo stesso Ministero nell'elenco delle piante ammesse alla produzione, indica il citrus aurantium come utile per la motilità intestinale più che per il controllo del peso corporeo.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sigma Aldrich; rev. del 01.05.2014