Sequenza Sauk

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La sequenza Sauk fu la più antica delle sei sequenze cratoniche che avvennero durante il Fanerozoico (seguita da Tippecanoe, Kaskaskia, Absaroka, Zuñi, e Tejas). Si estese dal tardo Proterozoico fino all'inizio dell'Ordoviciano, sebbene la trasgressione marina non inizi in modo serio fino al Cambriano intermedio. [1]

Al suo massimo, la maggior parte del Nord America era coperta dalle acque poco profonde del Mar Sauk, salvo parti dello Scudo canadese e le isole dell'arco transcontinentale.[1] La stratigrafia della sequenza Sauk indica una sedimentazione in acque basse, principalmente costituita da arenarie e clasti carbonatici ben assortiti.

Una regressione marina pose fine alla sequenza Sauk all'inizio dell'Ordoviciano, per essere poi seguita dalla sequenza Tippecanoe nello stesso periodo.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Monroe, James S., e Reed Wicander. La Terra che cambia: Geologia esplorativa ed evoluzione, 2a ed. Belmont: West Publishing Company, 1997. ISBN 0-314-09577-2, pag. 533-4