Segno di Graefe

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni qui riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. Questa voce ha solo scopo illustrativo e non sostituisce il parere di un medico: leggi le avvertenze.

Il segno di Graefe – il cui eponimo è l'oftalmologo tedesco Albrecht von Graefe – è caratterizzato dall'immobilità o dalla retrazione della palpebra superiore nel movimento dell'occhio verso il basso. È un segno tipico nelle persone con esoftalmo dovuto al morbo di Basedow-Graves.[1]

Lo pseudo-segno di Graefe (o segno di Fuch)[2] mostra una retrazione simile, ma potrebbe essere dovuto piuttosto una rigenerazione anomala di assoni del nervo oculomotore (III) che raggiungono il muscolo elevatore superiore delle palpebre, ma che originariamente non sono destinati a tale muscolo, o del nervo trocleare (IV), normalmente non connesso a esso.[2] Lo pseudo-segno di Graefe è presente nella paramiotonia congenita[3] e si manifesta più spesso in un solo occhio, per ragioni non ancora chiarite.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Cline D; Hofstetter HW; Griffin JR. Dictionary of Visual Science. 4th ed. Butterworth-Heinemann, Boston 1997. ISBN 0-7506-9895-0
  2. ^ a b (EN) (EN) Martorina, Massimo, Porté, Eliana, Pseudo-Graefe's sign: a manifestation of aberrant regeneration of the fourth cranial nerve? in Graefe's Archive for Clinical and Experimental Ophthalmology, vol. 231, n. 2, 1993, pp. 76-78. DOI:10.1007/BF00920216. (Abstract). URL consultato il 22 agosto 2012.
  3. ^ (EN) (EN) Timothy J. Fowler, John W. Scadding, Clinical Neurology 3rd ed., 2003, p. 145. ISBN 0-340-80798-9.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Medicina