Scuola di Yale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Con Scuola di Yale, dal nome dell'omonima università americana, si intende un insieme di pensatori che si rifanno alla teoria decostruzionista di Jacques Derrida. Il gruppo degli Yale Critics non è però uniforme e compatto. Ne sono fondatori, in diversa misura, Geoffrey Hartman, J. Hillis Miller, Paul de Man e Harold Bloom. Gli esordi del gruppo si devono far risalire al 1966. In seguito, il movimento si è molto ampliato, fino a divenire dominante negli Stati Uniti.

In linea generale, si può sostenere che il punto unificante tutti gli approcci critici della Scuola di Yale si possa ritrovare nella convinzione che il testo contiene già in se stesso le proprie modalità di decostruzione, in una profonda unità tra scrittura letteraria e scrittura critica. In particolare Bloom, con la sua teoria della misinterpretazione (mis-reading), arriverà a sostenere che "ogni forma critica è una poesia in prosa". (in L'angoscia dell'influenza).