Scipione l'Africano libera Massiva

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Scipione l'Africano libera Massiva
Scipione l'Africano libera Massiva
Autore Giovanni Battista Tiepolo
Data tra il 1719 ed il 1721
Tecnica olio su tela
Dimensioni 279.4 cm × 487.6 cm 
Ubicazione Walters Art Museum, Baltimora, Stati Uniti Stati Uniti

Scipione l'Africano libera Massiva è un dipinto di argomento storico risalente al 1719-1721, opera giovanile di Giovanni Battista Tiepolo e si trova nel Walters Art Museum di Baltimora, Stati Uniti d'America.

Storia del dipinto[modifica | modifica wikitesto]

Il dipinto[1] è una delle prime opere conosciute del Tiepolo e preannuncia già la moda per gli argomenti di carattere storico e mitologico di ambientazione romana, tipici del pittore veneziano.

Il committente originario non è conosciuto: si ritiene possa essere il doge Giovanni II Corner, poiché la sua famiglia si vantava di discendere dalla gens Cornelia, a cui anche Scipione apparteneva.

È presente nella collezione di Don Marcello Massarenti, catalogato nel 1897, anche se le modalità dell'acquisizione sono totalmente ignote. Fu quindi acquistato nel 1902 da Henry Walters, che lo lasciò in eredità al Walters Art Museum nel 1931.

Episodio storico[modifica | modifica wikitesto]

Raffigura il momento in cui il generale romano Scipione l'Africano, dopo la vittoria di Baecula, libera Massiva, il nipote di Massinissa, capo dei Numidi Massili. L'episodio è ben descritto da Tito Livio.

Qualche anno dopo Massinissa risulterà decisivo per la fine della seconda guerra punica e, fra l'altro, combatterà a Zama al fianco di Scipione.

Composizione[modifica | modifica wikitesto]

Il dipinto mostra il generale romano Scipione l'Africano mentre rimprovera il giovane Massiva per aver disobbedito allo zio Massinissa e, quindi, non si era mantenuto a distanza durante la battaglia. Questi non riesce a sostenere lo sguardo di Scipione a causa dell'umiliazione provata.

Scipione è seduto su una posizione elevata ed indossa una armatura dorata ed è circondato da elementi architettonici tipicamente romani. La presenza dello stato romano è confermata dallo stendardo con la sigla SPQR (il Senato e il popolo di Roma). Massiva indossa anch'egli armatura dorata, ma ha le catene sia ai polsi che alle caviglie ed ha le fattezze di un europeo, che era la prassi convenzionale nel corso del XVIII secolo. In questo dipinto, comunque, Tiepolo dimostra di aveva avuto l'opportunità di studiare a Venezia anche gli esotismi, come si vede nella rappresentazione di un ragazzo africano a sinistra del dipinto, identificato come un servo di Scipione, che viene raffigurato come un paggio contemporaneo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Scheda del dipinto sul sito del Walters Art Museum.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Federico Zeri Italian paintings in the Walters Art Gallery, Baltimore: Walters Art Gallery, no. 449, pp. 559-560 -1976
arte Portale Arte: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di arte