Poeti georgiani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

I Poeti Georgiani erano, per definizione, quelli le cui opere apparvero in una serie di cinque antologie definite Poesia georgiana, pubblicate da Harold Monro e curate da Edward Marsh. Il primo volume conteneva poesie scritte nel 1911 e nel 1912. Tra i poeti ricordiamo Edmund Blunden, Rupert Brooke, Robert Graves, D. H. Lawrence, Walter de la Mare e Siegfried Sassoon.

Il periodo di pubblicazione si inseriva tra l'Età vittoriana, con il suo stretto classicismo, e il Modernismo, con il suo stridente rigetto dell'estetismo puro. Le caratteristiche comuni delle poesie in queste pubblicazioni erano romanticismo, sentimentalismo e edonismo.

Critici successivi hanno cercato di rivedere la definizione del termine come descrizione di uno stile poetico, includendo in tal modo alcuni nomi nuovi o escludendone alcuni dei vecchi.

Henry Newbolt, scrivendo nei primi anni '30 del XX secolo, stimò che c'erano almeno 1000 poeti britannici attivi; la gran parte di questi avrebbero potuto essere identificati come 'Georgiani', rendendo il loro numero pressoché incalcolabile.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Robert H. Ross, Georgian Revolt: Rise and Fall of a Poetic Ideal, 1910-22 ("La rivolta georgiana"), Faber 1967. ISBN 0-571-08061-8

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]