Pinnacolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il gioco di carte, vedi Pinnacolo (gioco).
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il deserto australiano, vedi Deserto dei pinnacoli.
Pinnacoli, Cattedrale di San Vito, Praga. Gli innumerevoli pinnacoli sostengono l'altissimo edificio dall'esterno, grazie ai numerosi archi rampanti. Non si tratta di una soluzione di ripiego per garantire la stabilità dell'edificio: la moltitudine di torricelle fa parte del concetto estetico alla base dell'impianto di una cattedrale gotica.

Il pinnacolo è un elemento strutturale dell'architettura gotica.

Si tratta in genere di una guglia posizionata in particolari punti dove gli archi scaricano il peso: contribuisce infatti alla statica dell'edificio perché, aggiungendo peso, raddrizza la spinta obliqua che proviene dagli archi e dagli archi rampanti rispettivamente ai piloni e ai contrafforti sui quali solitamente è posto.

Dal periodo tardo rinascimentale in poi i pinnacoli tesero a diventare più decorativi che strutturali. Si trovano, infatti, come elementi verticali decorati in strutture non portanti come balaustre o tetti.

Secondo alcuni testi, la parola può essere usata come sinonimo di guglia.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giulio Carlo Argan, Storia dell'arte italiana, vol. I, Fabbri, Torino, 1993 (glossario in appendice).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]