Pañcānantaryāṇi karmāṇi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Le Pañcānantaryāṇi karmāṇi (sanscrito) sono, nel Buddhismo, le "cinque azioni a retribuzione immediata" (cinese: 五無間業 wŭwújiānzhū o, con il significato di "le cinque offese per ribellione" 五逆罪 wŭnìzuì da cui il giapponese: go-gyakuzai o go-gyaku).

Secondo la dottrina buddhista del karma ogni azione compiuta in modo consapevole produce un effetto positivo, negativo o neutro. Tale effetto può verificarsi nella rinascita successiva, o molte rinascite dopo. Tuttavia sono state identificate cinque azioni particolarmente efferate che producono effetti già nella presente vita, pertanto sono dette azioni dal ānantarya karma (pāli: ānantarika kamma) e conducono poi a una rinascita in Avīci.

Queste sono:

  1. Uccidere la propria madre (cinese: 殺母; sanscrito: mātṛghāta)
  2. Uccidere il proprio padre (cinese: 殺父; sanscrito: pitṛghāta)
  3. Uccidere un Arhat (cinese: 殺阿羅漢; sanscrito: arhadvadha)
  4. Ferire, fino al versamento di sangue, un Buddha (cinese: 出佛身血; sanscrito: tathāgatasyāntike duṣṭacittarudhirotpadana)
  5. Produrre uno scisma nel Saṅgha (cinese: 破和合僧; sanscrito: saṅghabheda)

Nel Buddhismo Mahāyāna cinese a questi se ne aggiungono altri:

  1. Corrisponde ai cinque citati sopra
  2. Danneggiare e saccheggiare, o spingere altri a farlo, uno Stūpa, il Tripiṭaka o i Tre gioielli
  3. Diffamare la predicazione Mahāyāna
  4. Uccidere un bhikkhu o impedirne la pratica
  5. Non credere nel principio di causa-effetto del karma