Orio Palmer

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Orio Palmer (2 marzo 1953New York, 11 settembre 2001) è stato un pompiere statunitense della città di New York. Morì durante l'attacco al World Trade Center, durante il tentativo di liberare le persone intrappolate al 78º piano della seconda torre[1][2][3], dove era riuscito a salire insieme alla squadra di vigili del fuoco di cui era il comandante.

Secondo il Rapporto della Commissione sull'11 settembre, le registrazioni audio e video relative proprio Orio Palmer hanno avuto un ruolo fondamentale nell'analizzare e comprendere i problemi relativi alle comunicazioni radio durante gli attentati dell'11 settembre.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Kevin Flynn, Jim Dwyer, Fire Department Tape Reveals No Awareness of Imminent Doom, New York Times, 9 novembre 2002. URL consultato il 13 settembre 2008. mirror
  2. ^ Michael Daly, His brave voice resounds, New York Daily News, 11 agosto 2002. URL consultato il 13 settembre 2008. mirror
  3. ^ Mai Tran, A Week in West for 9/11 Firefighter Families, Los Angeles Times, 3 gennaio 2003. URL consultato il 28 settembre 2008. mirror
  4. ^ Thomas H. Chair – Kean, Vice Chair – Lee H. Hamilton, The 9/11 Commission report: final report of the National Commission on Terrorist Attacks upon the United States, W. W. Norton & Company, 2004, pp. 298–304, 547–548, ISBN 9780393060416.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie