Netturbino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nettubini in servizio a Aix-en-Provence.

Il netturbino, noto anche come spazzino e operatore ecologico, è un lavoratore manuale impiegato nel settore della nettezza urbana.

Mansioni[modifica | modifica sorgente]

Può svolgere compiti diversi, che vanno dalla pulizia delle strade a mano o con mezzi meccanici appositi, alla pulizia di edifici, a quella della raccolta dei rifiuti solidi urbani e della differenziata fatta con i camion che raccolgono il contenuto dei cassonetti o con il porta a porta dei bidoni più piccoli. Spesso viene richiesto all'operatore di guidare il camion.

Caratteristica della professione è lo svolgimento in orari alternativi a quelli della vita diurna: per poter svolgere il lavoro in modo più efficiente, viene spesso compiuto di notte o al mattino presto.

Nella cultura di massa[modifica | modifica sorgente]

Considerato da sempre un lavoro umile, un tempo aveva una connotazione negativa per il contatto diretto dell'operatore con i rifiuti. L'automatizzazione del processo di raccolta dei rifiuti permette oggi di svolgere il lavoro con una maggiore garanzia d'igiene. Vengono considerati operatori ecologici anche gli operatori scolastici nelle scuole.

Si ricorda l'aneddoto di Totò in 'A livella, a proposito del conte e del netturbino[1].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ http://www.antoniodecurtis.com/pdf/corriere.pdf

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

lavoro Portale Lavoro: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di lavoro