Neocorteccia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La neocorteccia, detta anche isocorteccia o neopallio o neocortex, rappresenta quella porzione di corteccia cerebrale con sviluppo filogenetico più recente. Nell'uomo essa rappresenta circa il 90% della superficie cerebrale.

Citoarchitettonica[modifica | modifica wikitesto]

Composto da neuroni in sinapsi, viene schematicamente diviso in sei strati successivi, dal più superficiale al più interno:

  1. Strato molecolare o plessiforme
  2. Strato granulare esterno
  3. Strato piramidale esterno
  4. Strato granulare interno
  5. Strato piramidale interno o strato ganglionare
  6. Strato delle cellule fusiformi o strato multiforme

In base a questo schema architettonico, si può ulteriormente dividere la neocorteccia in corteccia omotipica e corteccia eterotipica: la prima presenta ben sviluppati i sei strati ed è considerata la sede anatomica di aree associative e aree sensoriali e motorie secondarie, mentre la seconda può avere il IV strato quasi assente (corteccia agranulare, si ritrova soprattutto nelle aree motorie primarie) o sovrasviluppato (corteccia granulare, si ritrova nelle aree sensoriali primarie).

Funzionalità[modifica | modifica wikitesto]

La neocorteccia è considerata la sede presunta delle funzioni di apprendimento, linguaggio e memoria, ovvero delle peculiarità rappresentate dallo sviluppo genetico avvenuto nel corso dell'evoluzione animale.

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina