Musica indie

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il termine musica indie (neologismo della lingua inglese derivato dalla contrazione del termine independent) è riferibile ad un insieme di generi musicali caratterizzato da una certa indipendenza, reale oppure percepita, dalla musica pop e da una cultura cosiddetta mainstream (cultura di massa), nonché da un approccio personale alla musica stessa.

Definizioni di indie[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Indie rock.

Il termine Indie è spesso confuso con il tipo di suono prodotto dal musicista quando è in realtà il modo in cui il suono è presentato o prodotto. Infatti, esso è spesso associato a un artista o a un gruppo che non fa parte della cultura mainstream o che fa musica al di fuori dell'influenza della stessa. Sebbene lo stile musicale di questi gruppi possa variare molto, tale associazione deriva infatti da un atteggiamento tipo "fai-da-te" e dall'abilità di lavorare al di fuori delle grandi corporations.

Indie con il significato di "indipendente, non appartenente alle major"[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Etichetta discografica indipendente.

Tale espressione viene utilizzata per ricomprendere tutti quegli artisti musicali che non firmano contratti con le cosiddette etichette major, (di solito le "quattro grandi" compagnie discografiche: la Warner, la Universal, la Sony e la EMI, che coprono il 90% del mercato discografico planetario). Questa è la definizione data, tra le altre, dal New Musical Express o NME (settimanale musicale inglese).

Tuttavia, non è affatto detto che un'etichetta che si definisce indipendente garantisca un approccio libero, non orientato verso il marketing o comunque a uno stile musicale prettamente commerciale, né d'altra parte è vero che le major stesse siano orientate esclusivamente alla produzione di musica commerciale , Pulp, Sonic Youth e The Flaming Lips).

Più comune in Italia è la definizione indipendente per identificare tale approccio, preferendo usare il termine indie per definire un genere musicale vero e proprio, comunque spesso associabile a un approccio indipendente a livello di etichetta discografica.

Indie e mondo commerciale[modifica | modifica sorgente]

Una più strutturale definizione di indie porta il limite più a fondo, non tra le "4 grandi" etichette e le altre, ma tra le grandi case indie e quelle più piccole, considerate dai puristi le vere etichette indipendenti. Queste piccole case sono normalmente portate avanti da poche persone, spesso in casa di qualcuno o nel garage, e spesso affiancate da un servizio di mail-order che rappresenta anche altre etichette. La gente della casa discografica ha uno stretto rapporto con una determinata scena musicale; molte etichette sono condotte parzialmente o interamente da musicisti di gruppi che ne fanno parte. La preoccupazione per la purezza della missione creativa dell'etichetta è predominante (anche se non totalmente scindibile) rispetto alla sfera commerciale; molte etichette chiudono o si separano quando i proprietari perdono interesse o, come spesso accade, finiscono i soldi. Tipici esempi di queste etichette sono: la Factory Records, la Dischord, la Kindercore, la Creation, la Earache la SST, la King of Hearts Records e in Italia la Contempo Records di Firenze.

Ancora, alcune etichette crescono commercialmente, e dallo status di "indipendenti" (o forse più correttamente "alternative") evolvono nel senso di una maggiore somiglianza per politiche di marketing, scelte di linee stilistiche nonché dimensioni all'interno del mercato discografico che le rendono assimilabili alle grandi "major", associate all'idea di "mainstream" (spesso proprio grazie al raggiungimento del successo da parte di uno o più dei loro artisti) venendo assorbite da un agglomerato più grande di etichette o da una major. Un esempio ne è la Creation Records, una piccola casa discografica inglese affermatasi negli anni ottanta con band come Ride, My Bloody Valentine, The Lofts, Boo Radleys, Slowdive, o autori come Momus, negli anni novanta giunta al conseguimento del successo con gli Oasis, e quindi subendo come sopra l'evoluzione verso un allineamento al modus operandi delle "major" e allo stile più frequentemente associato all'idea di "mainstream" prima di essere acquistata dalla Sony.

Gli studi sulla popular music hanno proposto due differenti teorie per concettualizzare il rapporto tra musica "indipendente" e musica "commerciale". I sociologi Peterson e Berger hanno sostenuto nel 1975 che le etichette indipendenti abbiano rappresentato il motore dell'innovazione musicale fin dalla loro prima apparizione, che coincide con la diffusione del rock and roll verso la metà degli anni cinquanta e con l'affermarsi, per esempio, dell'etichetta Sun Records che pubblicò i primi dischi di Elvis Presley. Ricerche successive hanno invece condotto all'ipotesi che il mondo della musica "indipendente" e di quella "commerciale" formino in realtà una unica "costellazione" economica e produttiva con una specifica divisione dei ruoli, come ad esempio sostenuto dallo studioso Keith Negus. In tal modo le etichette "indipendenti" lavorerebbero in ambiti "sottoculturali" alla ricerca di nuovi talenti, mentre le etichette "major" provvederebbero in un successivo momento a diffondere i successi provenienti dall' "underground" verso un pubblico più vasto, come è successo per la band Nirvana e all'etichetta statunitense Sub Pop.

L'Indie e i suoi generi[modifica | modifica sorgente]

Il termine indie comprende uno spettro stilistico amplissimo, che va dalla psichedelia degli anni sessanta alla disco-wave degli ottanta, dalla più classica matrice beatlesiana a certo stile "cantaurorale", dalle invenzioni del genere "industrial" fino al cosiddetto "extreme metal", dal contenitore "black music" al punk, alla new wave pionieristica dei tardi anni settanta, all'elettronica dello stesso decennio con tutte le contaminazioni e sotto-categorizzazioni possibili racchiuse; viene impiegato talvolta per demarcare un concetto di autonomia dai grandi circuiti produttivi e distributivi dell'industria discografica, talvolta in senso estetizzante per fare riferimento a specifici generi o suoni tipici e riconducibili nell'ambito di queste produzioni musicali. Negli anni novanta l'idea di "indie-rock" o "indie-music" assunse un valore più accentuato sotto il profilo del marketing: erano "indie" molti gruppi riconducibili ad altrettante "scene" musicali (a Washington) i FUGAZI, vero gruppo Indipendente mai sceso a compromessi con le Major,(a Seattle la scena Grunge con bands come Nirvana, Pearl Jam, Soundgarden, Alice in Chains, Screaming Trees, Mudhoney, Melvins), nel Regno Unito dopo la Scena di Manchester (ridenominata "Mad-chester") che attraversò gli anni ottanta con bands come Joy Division ri-fondati in New Order, Happy Mondays, Stone Roses, The Smiths, ed altre bands "indie-rock" come The Jesus and Mary Chain, il fervore "indie-rock" e "indie-pop" si addensò attorno a movimenti stilistici come lo "Shoegaze" rappresentato da gruppi come My Bloody Valentine, Ride, Curve e Bleach si affermò in senso ora più nettamente (se non del tutto) mediatico la scena del Britpop al cui interno si possono rintracciare bands che si rifanno alla psichedelia e alla new-wave americana The Verve, altri che recuperano (con variazioni sul tema) la lezione beatlesiana Blur, altri ancora Oasis che rappresentano da un lato il vertice mediatico della citata scena di Manchester, e dall'altro fondono esperienza punk e influenze melodiche del decennio precedente, oltre a rappresentare il gruppo più autorevole e longevo dell'intero movimento; definiti indie tali bands spesso dominavano le classifiche di vendita colmando in tal modo il solco tra "alternative" e "mainstream" e imponendo una ridefinizione dello stesso concetto di "musica indie". Il concetto "indie-rock" o "indie-music" è di fatto sempre più ambivalente, oscillando tra un'idea di "libertà" od "originalità" o anche "difficoltà" nei moduli espressivi che per ciò stesso è meno accessibile al "grande pubblico" (concetto di "mainstream") e l'identificazione estetica di stili e generi che proprio in tale contrapposizione si sono nel frattempo strutturati a loro volta in codici espressivi riconoscibili.

In tempi recenti, per indie si intende con frequenza sempre maggiore un rimodellamento stilistico dei canoni musicali tipici di vari decenni che vengono ibridizzati e contaminati in modo più o meno credibile con influenze di altri periodi lontani da quello di riferimento (è evidente la perdita del concetto "etico" della produzione "indie" e il prevalere dell'idea stilistica ed estetica) come gli anni sessanta, frequente punto di riferimento per una rivisitazione in chiave classicista o la realizzazione di una mescolanza con (ad esempio) l'elettronica, i sintetizzatori e altre soluzioni sonore degli anni settanta e degli anni ottanta. Alcune tra le band di riferimento in questo senso sono The Kooks, i Mando Diao, The Killers, Enon, The Bravery, The Libertines, Babyshambles, The Strokes, dEUS, Sophia, Interpol, Arctic Monkeys, Yeah Yeah Yeahs, The Wombats, White Lies, Kaiser Chiefs, Florence and the Machine, Red Hot Chili Peppers. Il termine è anche utilizzato come sinonimo di musica alternativa, una parola che spesso comprende anche quella musica di massa, cinicamente prodotta dal mercato delle major per giovani adolescenti ribelli.

Questi usi del termine indie sono tuttavia impropri per svariate ragioni: primo le qualità stilistiche non sono sempre correlate all'indipendenza commerciale o all'aderire ai principi indie (questo è particolarmente vero quando una sonorità diviene popolare, i suoi esponenti di punta sono messi sotto contratto da una major e gruppi più orientati al successo e team di produzione cercano di imitarne lo stile). Secondariamente, per quanto pervasivo qualsiasi stile di musica possa divenire in un dato momento, non può impersonare tutta la vasta complessità della galassia indie, dal momento che ci saranno sempre gruppi, artisti che operano al di fuori di quella particolare definizione di stile.

Coloro che seguono l'universo indie tendono a non vedere di buon occhio i gruppi che riportano grandi successi col grande pubblico.

Attributi cultural-filosofici di indie[modifica | modifica sorgente]

Ci sono un certo numero di tratti filosofici e culturali che possono essere molto più utili nell'evidenziare che cosa è veramente l' "indie", piuttosto che specifici stili musicali o tendenze commerciali. Gli artisti indie si preoccupano maggiormente della loro espressione artistica piuttosto che delle considerazioni commerciali. Una sensibilità "fai-da-te" che ha preso origine dal punk negli anni settanta, è spesso associata con l'indie, con gente sulla scena musicale coinvolta nei gruppi, etichette, organizzazione di serate e fanzine. L'Indie ha spesso uno sguardo internazionalista, che va di pari passo con un senso di solidarietà con altri fans, gruppi e etichette in altri paesi che condividono la stessa sensibilità; piccole etichette indipendenti spesso distribuiscono dischi per etichette simili all'estero, e gruppi indie vanno spesso in tour autofinanziati in altre città o paesi, dove coloro che fanno parte della scena indie locale sicuramente aiuteranno a organizzare date di concerti e provvederanno all'ospitalità e ad altre forme di supporto.

Artisti indie di determinate epoche spesso vanno contro i trends prevalenti. Per esempio l'estetica lo-fi (una deliberata mancanza di definizione e una autentica "ruvidezza" e imperfezione nel suono) è stata spesso associata con l'indie in particolare quando i dischi dal suono pulito e rifinito erano appannaggio esclusivo dell'industria discografica di grande distribuzione; questa linea di demarcazione è, da allora, divenuta molto indefinita, in un mondo dove registrazioni di buona qualità possono essere fatte sempre più facilmente con sistemi di registrazione, anche casalinghi, basati su tecnologia digitale a basso costo e dove produzioni commerciali, a loro volta, ricercano un sound lo-fi di maniera.

Le persone che seguono il modello di vita indie sono comunemente definiti e si autodefiniscono in inglese indie kids, al di là dell'età.

Sottocategorie di indie[modifica | modifica sorgente]

La musica indie è a sua volta suddivisibile in diversi sottogeneri, tra cui i principali sono l'indie rock e l'indie pop, che si differenziano essenzialmente per aspetti culturali e di presentazione degli artisti appartenenti a uno o all'altro sottogenere, più che per strumentazione o per intensità ritmica delle canzoni, che spesso tendono anzi ad essere similari. Altri sottogeneri degni di nota sono l'indie dance (una sorta di fusione tra l'indie pop e la musica dance elettronica), e il post-rock, che destrutturano il rock in schemi essenziali ed emotivi. La band che è unanimemente riconosciuta quale iniziatrice del genere è la formazione americana Slint. Dalla loro influenza è poi nato un filone musicale che annovera nomi come Rodan, Codeine, Low, June of 44, Don Caballero, A Minor Forest, Le Mura e molti altri. Alcuni di questi gruppi sono in realtà classificabili in sottogeneri differenti, come i Don Caballero che sono stati forse i più autorevoli rappresentanti del Math-Rock.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock