Memphis Facula

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Memphis Facula
Tipo Facula
Satellite Ganimede
La Memphis Facula (la vasta zona chiara a forma approssimativamente ovale in basso a destra) ripresa dalla sonda Voyager 2.
La Memphis Facula (la vasta zona chiara a forma approssimativamente ovale in basso a destra) ripresa dalla sonda Voyager 2.
Dati topografici
Coordinate 14°06′N 131°54′W / 14.1°N 131.9°W14.1; -131.9Coordinate: 14°06′N 131°54′W / 14.1°N 131.9°W14.1; -131.9
Estensione 360 km

La Memphis Facula è un palinsesto, ovvero un cratere fantasma, presente sulla superficie di Ganimede, il più grande dei satelliti di Giove. Il suo diametro è di circa 360 km. La regione è stata battezzata dall'Unione Astronomica Internazionale con riferimento a Menfi, capitale dell'Antico Regno dell'Egitto.

È situata nella parte sud-occidentale della Galileo Regio. Sebbene attualmente quasi piatta, è il resto di un gigantesco cratere d'impatto le cui pareti sono crollate e il cui fondo si è sollevato.

La morfologia di Memphis Facula, e di altre faculae, fa ritenere[1] che la crosta ghiacciata di Ganimede avesse all'epoca dell'impatto uno spessore di circa 10 km e che fu perforata dall'impatto permettendo agli strati fluidi sottostanti di riempire e livellare il cratere.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Harland, D. M.; Jupiter Odyssey, Springer Praxis (2000), p. 136 - [1]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]


Sistema solare Portale Sistema solare: accedi alle voci di Wikipedia sugli oggetti del Sistema solare