Magnetoelettrochimica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La magnetoelettrochimica è una branca dell'elettrochimica che studia gli effetti magnetici associati a processi elettrochimici.

Tali effetti magnetici possono realizzarsi in una cella elettrochimica durante i fenomeni di trasferimento di massa e deposizione elettrolitica.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il primo a indagare sugli effetti magnetici fu Michael Faraday.

Uno dei primi risultati della magnetoelettrochimica fu l'osservazione dell'effetto Hall negli elettroliti.

Lo sviluppo della magnetoelettrochimica è stato favorito dallo svilupparsi di altre discipline ad essa correlate (ad esempio la magnetoidrodinamica e la teoria della diffusione convettiva).[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Encyclopedia of Electrochemistry - Magnetic Effects in Electrochemistry

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

elettrochimica Portale Elettrochimica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di elettrochimica