Lettiera

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il significato zootecnico del termine, vedi Lettiera (zootecnia).

La lettiera, dal punto di vista ecologico e pedologico, è la mistura di sostanze organiche morte situate sulla superficie del suolo, come rami, foglie e animali. Le sostanze sottostanti in via di decomposizione raggiungono prima o poi l'aspetto umificato.

Essa è tra l'altro, un'importante riserva di carbonio. Lo studio ha rivelato che maggiori livelli di lettiera portano ad aumenti sproporzionati della quantità di CO2 rilasciata nell’atmosfera dal suolo. Gli scienziati avevano previsto un aumento del 9% nella respirazione del suolo, nei terreni in cui era stata aggiunta lettiera supplementare. In realtà la respirazione del suolo è cresciuta del 43%. Si presume che questo aumento di CO2 nei terreni in cui è stata aggiunta la lettiera derivi dalla decomposizione di vecchio materiale organico presente sul suolo, stimolata dall’aggiunta di grandi quantità di lettiera fresca. [senza fonte]

Svantaggi[modifica | modifica wikitesto]

L'eccessivo accumulo delle sostanze organiche morte sul terreno può provocare asfissia rendendolo inerte, mentre i sali minerali volatilizzano o si depositano nelle falde freatiche per azione di pioggia.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]