Le Testament

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il testamento
Titolo originale Le Testament
Autore François Villon
1ª ed. originale 1461
Genere poesia
Lingua originale francese medio
Incipit del "Grand Testament de Maistre François Villon". Kungliga biblioteket, Stoccolma, Svezia.
« E, come il nobile Romant
De la Rose
dice e confessa
nel suo primo cominciamento,
che si deve giovane cuore, alla giovinezza,[1] »
(François Villon, Le Grand Testament)

Le Testament (a volte chiamato anche Le grand Testament per distinguerlo da Le Lais, opera che viene talvolta chiamata Le petit Testament) è un'opera poetica di François Villon composta nel 1461, in versi ottonari. È molto meno omogenea di Le Lais, giacché comprende più di una ventina di poesie relativamente autonome. Se il testo, come già faceva Le Lais, riprende l'idea della parodia di un atto giuridico, esso si presenta come una colonna vertebrale sulla quale viene innestata ogni sorta di digressione sull'ingiustizia, la fuga del tempo, la morte, la saggezza... così come poesie autonome spesso presentate come «lasciti». Si ritrova tuttavia la penna vivace e acerba e l'umore ora nero e sottile, ora schiettamente scherzoso e licenzioso che caratterizzano Villon. Forse l'autore intende qui presentare un largo spettro dei suoi talenti con lo scopo di attirare l'attenzione di un eventuale mecenate: il Testament diviene così una sorta di «biglietto da visita». Il testo si rivolge sia ai suoi vecchi compagni, sia alla folla di miserabili acculturati prodotti a quell'epoca dalla Sorbona.

Il Testament ha fama di essere uno dei più bei testi letterari del tardo Medioevo, e può essere per certi versi considerato il capolavoro di Villon.[2].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^
    « Et, comme le noble Romant
    De la Rose dit et confesse
    En son premier commencement,
    Qu'on doit jeune cueur, en jeunesse »
  2. ^ Per un'analisi più dettagliata, si veda l'«Introduzione» di Claude Thiry alle Poésies complètes di Villon, 1991, Le Livre de Poche, collana «Lettres gothiques», ISBN 2253057029, p. 17-26.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (FR) François Villon, Poésies complètes, a cura di Claude Thiry, Livre de poche, Librairie Générale Française, 1991, pp. 383, ISBN 2253057029.